Con l'arrivo di nuovi sistemi operativi ed a causa dei numerosi aggiornamenti, l'applicazione di messaggistica istantanea Whatsapp non sarà più funzionante su alcuni tipi di smartphone e di conseguenza, in tanti saranno costretti a mettere mano al portafogli per adeguarsi alla tecnologia per poter continuare ad usufruire del servizio di messaggistica gratuito.

Quando i messaggi gratis hanno comunque un prezzo da pagare

L'arrivo di WhatsApp è stato una vera e propria rivoluzione nel mondo della telefonia, rendendo, grazie al suo utilizzo da parte di milioni di utenti, quasi inutile l'utilizzo degli SMS che fino a poco tempo prima rientravano tra i servizi più utilizzati nel campo della telefonia.

L'applicazione più usata dagli italiani però subirà delle variazioni e dirà addio ad una fetta di consumatori, di fatto ora anche mandare messaggi gratis avrà il suo costo: quello di acquistare un telefono cellulare nuovo. A breve saranno banditi dall'utilizzo dell'applicazione svariati modelli di smartphone che utilizzano come sistema operativo Android 2.1 e 2.2, oltre a Windows Phone 7.1 e Symbian S6. Mentre a partire dal mese di luglio 2017, l'applicazione sarà "graziata" fino alla fine dell'anno solo per per i sistemi operativi quali Nokia S40 e la maggior parte dei Blackberry.

Tra gli smartphone su cui non funzionerà più Whatsapp della categoria Samsung troviamo invece i modello Galaxy Ace, Ace 2, Galaxy Ace plus e Galaxy S Advance.

Perché Whatsapp non funzionerà più su alcuni telefoni?

L'applicazione di messaggistica istantanea è nata nel 2009 grazie all'idea ed alla progettazione di due ex dipendenti della società Yahoo. All'esordio era disponibile solo per i sistemi operativi iOS e fu stabilito un costo di circa 0,99 centesimi, proprio per evitare di inserire pubblicità all'interno ed andare in contrasto alla politica della loro ex società che si occupava proprio di pubblicità.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Whatsapp

L'applicazione ebbe subito un grosso successo e venne estesa anche per i sistemi operativi Android. Nel 2014 il patron di Facebook, Mark Zuckerberg, decise di acquisire WhatsApp ed attualmente sta perfezionando ed ampliando l'applicazione di volta in volta. Proprio a causa del programma di ampliamento com nuove funzionalità stabilito da Zuckemberg, numerosi smatphone saranno banditi dall'applicazione e non potranno più usufruire del servizio gratuito di messaggistica. Non si esclude che a partire dall'anno 2018, ulteriori modelli potrebbero entrare nella lista nera e non poter utilizzare più l'applicazione.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto