Papa Francesco ha visitato Domenica 1 dicembre 2013 la Parrocchia di San Cirillo Alessandrino, in Viale Giorgio Morandi a Tor Sapienza (Roma), parrocchia con una forte presenza di immigrati, incontrando i battezzati dell'anno pastorale 2013,  i malati, confessando alcuni parrochiani e impartendo il Sacramento della Confermazione a 9 ragazzi.

Si trattava della sua seconda visita a una parrocchia romana dopo quella svoltasi a maggio scorso nella Parrocchia dei Santi Elisabetta e Zaccaria. Alle 18 ha celebrato la Liturgia Eucaristica, concelebrata dal Cardinale Vicario Agostino Vallini, dal Vescovo Ausiliare del Settore Est Mons.

Giuseppe Marciante, dal parroco don Marco Ridolfo e dal precedente parroco P. Marc Benazet. Con i cresimandi Bergoglio ha sottolineato che la Cresima non deve essere "il Sacramento dell'addio".

Sono stati allestiti anche dei maxi schermi in giardino per consentire a tutti di seguire la visita e l'omelia perché la chiesa era troppo piccola e non poteva ospitare le migliaia di fedeli che da giorni si erano preparati all'evento.

Il Papa è stato accolto dagli applausi. E' la prima volta che un Pontefice si è recato in un quartiere periferico della Capitale. Papa Francesco si è detto non d'accordo "per l'eccesso di organizzazione e di sicurezza".

Il messaggio è stato chiaro è ha scaldato i cuori di Tor Sapienza.

"Voglio conoscervi per quello che siete senza finzioni e abbellimenti". La vita è un cammino e il regalo più grande e l'incontro con Gesù. E' il messaggio essenziale e semplice lasciato a questa parrocchia di periferia.

A margine della visita Bergoglio ha incontrato alcuni membri del Movimento per la casa, occupanti alcuni edifici, famiglie e bambini scesi in strada con delle Bandiere.

Il Papa ha ascoltato con pazienza e ha fatto delle promesse concrete.

I Movimenti per il diritto all'abitare hanno manifestato per denunciare l'emergenza casa a Roma e nel Lazio, il giorno successivo alla data (30 Novembre) scelta dal Campidoglio per approvare il bilancio che contiene anche provvedimenti per l'emergenza sfratti.

Fuori della Chiesa di Tor Sapienza c'era anche uno striscione "Papa Francesco, non c'è famiglia se non c'è casa"  insieme ad ad alcune bandiere rosse con la scritta "Stop sfratti, sgomberi, pignoramenti". La presenza dei manifestanti è stato un primo segnale dei Movimenti per l'Abitare per sensibilizzare anche il Pontefice. Paolo di Vetta dei Blocchi Precari Metropolitani ha dichiarato che in settimana in Via delle Fornaci in occasione di uno sfratto ci dovrebbe essere una nuova manifestazione.

Segui la pagina Papa Francesco
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!