Roberta Ragusa: il termine ultimo per la chiusura delle indagini sulla misteriosa scomparsa della giovane mamma di Gello è scaduto il 17 aprile scorso, ma ancora la Procura di Pisa non si è espressa sull'eventuale richiesta di rinvio a giudizio per omicidio volontario ed occultamento di cadavere del marito Antonio Logli.

Nelle indagini sul caso di Roberta Ragusa risultano al momento indagati anche Vlademaro Logli, suocero della donna, per concorso in occultamento di cadavere, e Sara Calzolaio, prima amante e poi compagna del Logli, per favoreggiamento e concorso in occultamento di cadavere, ma le posizioni di questi ultimi due indagati sembrano meno compromesse di quella del marito di Roberta Antonio Logli.

Pubblicità
Pubblicità

Di certo, la definizione del quadro accusatorio in un eventuale processo, in cui non è stato nemmeno trovato il corpo della vittima, appare molto difficile, ma non impossibile, visto che alcuni precedenti dimostrano come sia possibile imputare, sottoporre a processo ed addirittura condannare una persona per omicidio senza che vi sia il corpo della vittima.

Dopo oltre due anni e quattro mesi di indagini sulla scomparsa di Roberta Ragusa, l'opinione pubblica è mobilitata per fare pressioni sugli inquirenti al fine di cercare di scoprire la verità su una vicenda terribile, che ha colpito la sensibilità di centinaia di migliaia di persone, che si sono mobilitate anche sui più noti social network per cercare di dare il loro contribuito alla causa della mamma di Gello.

Pubblicità

Ultimamente, nel corso delle puntate dei più noti programmi televisivi in cui si affronta il caso di Roberta Ragusa, si è dato molto peso ad un particolare dell'indagine su Antonio Logli: pare infatti che il marito di Roberta, il giorno della sua scomparsa, si sia recato nella locale caserma dei carabinieri per denunciarne la scomparsa con un visibile graffio sul volto.

Nella concitazione del momento, però, non fu effettuato alcun esame su quel graffio, per poterne stabilire la causa e questo viene giudicato da molti opinionisti televisivi come un gravissimo errore nelle indagini che dovrebbero portare alla scoperta della verità sulla scomparsa di Roberta Ragusa.

Intanto, anche le parenti più strette della donna scomparsa, le sue cugine per l'esattezza, hanno nominato un avvocato, che le sta aiutando a far si che sia fatto tutto il possibile per arrivare ad una soluzione certa del giallo che riguarda la scomparsa di Roberta Ragusa, che sembra agli occhi di molti giornalisti destinato comunque a sfociare in un processo contro il marito della donna Antonio Logli.



Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto