Elena Ceste - Sulla scomparsa della mamma astigiana, avvenuta ormai 130 giorni fa, sembra non emergere alcuna novità degna di rilievo dalle indagini degli inquirenti, almeno fino ad oggi 2 giugno 2014.

Sull'interrogatorio della moglie dell'amico di famiglia (che aveva mandato dei messaggi al cellulare di Elena Ceste), avvenuto negli uffici della Procura di Asti, gli inquirenti non hanno per ora dichiarato nulla.

Pubblicità
Pubblicità

E' significativo, però, che Michele, il marito di Elena, nel corso di un'intervista concessa ai giornalisti della trasmissione Chi l'ha visto, avesse detto che stava pensando anche alla gelosia di qualche uomo che si era innamorato di sua moglie: una possibile chiave di lettura della complicata vicenda.

Di certo, gli inquirenti stanno mettendo in atto tutte le iniziative possibili al momento per giungere in tempi brevi ad accertare cosa sia realmente successo ad Elena Ceste la mattina del 24 gennaio di quest'anno, quando scomparve misteriosamente dalla propria abitazione, lasciando tra l'altro tutti i suoi vestiti nel giardino della sua casa.

Pubblicità

Da ciò che abbiamo appreso dalla trasmissione di Rai Tre, poi, sarebbe stata interrogata dagli investigatori anche la figlia adolescente di Elena Ceste, ed il padre Michele avrebbe poi rilasciato delle dichiarazioni a telecamere spente ai giornalisti di Chi l'ha visto, in cui avrebbe riferito alcune delle domande che gli inquirenti avrebbero posto a sua figlia.

Sembra, ma siamo solo nel campo delle illazioni perchè non esiste una registrazione dell'intervista del marito di Elena Ceste, che alla ragazzina sia stato chiesto anche dei rapporti che intercorrevano tra i propri genitori e addirittura se il padre picchiasse sua madre.

La situazione del giallo della scomparsa della mamma astigiana sembra complicarsi con il passare del tempo, anche perchè la Procura di Asti sembra abbia anche aperto un fascicolo contro ignoti per omicidio, oltre a quello per istigazione al suicidio.

Di certo, la posizione del marito di Elena Ceste, le cui dichiarazioni spesso contraddittorie, erano subito state messe in evidenza da molti giornalisti, per poi essere attribuite solo allo stato emotivo dell'uomo ed alla sua scarsa abitudine a parlare davanti alle telecamere.

Se le domande che sono state fatte dagli investigatori alla figlia maggiore di Elena Ceste dovessero essere simili a quelle fatte a telecamere spente a Michele ai giornalisti di Rai tre, allora vorrebbe dire che gli inquirenti vogliono saperne di più anche sui sentimenti che Michele provava per la moglie nel periodo della scomparsa e quindi questo farebbe pensare che l'uomo non sia più considerato completamente estraneo alla vicenda, come era trapelato fino ad oggi.

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto