La vita di Massimo Giuseppe Bossetti è stata messa sotto sopra dalle indagini degli inquirenti, secondo cui è lui il killer di Yara Gambirasio. Il muratore 44enne, ormai in carcere da una settimana, continua a professarsi innocente e a sostenere la sua tesi. C'è anche il nuovo avvocato Claudio Salvagni, che afferma di avere in mano elementi interessanti a confermare che l'indiziato è innocente. A credere in lui anche la moglie Marita Comi, che lo difende a spada tratta.

Yara Gambirasio ultime notizie oggi-Cosa c'è contro Massimo Giuseppe Bossetti?

Di tutt'altro parere gli inquirenti e la Procura di Bergamo certi che Bossetti sia l'uomo che stavano cercando da 3 anni e mezzo.

Non c'è solo il DNA contro di lui, ma anche altri elementi come la frequentazione del centro estetico «Oltremare», che fino al 2010 era collocato proprio vicino alla casa dei Gambirasio. La proprietaria del centro, afferma che Bossetti andava lì 2 volte a settimana per fare potenti lampade abbronzanti. Ma l'indagato e la moglie negano, sostenendo che solo di rado andava in quel centro, anche perché lavorando all'aria aperta non aveva bisogno di farsi le lampade.

Gli inquirenti non gli credono, anzi pensano che proprio frequentando il centro estetico Bossetti avesse notato Yara, tanto da fissarsi con lei e pedinarla col suo furgone. La Procura punta anche alla vita di Bossetti. L'ex fidanzata, all'epoca dei 18 anni, ha raccontato durante un programma Tv che quando lei lo lasciò lui reagì in modo irruento, ma stiamo parlando di due giovani adolescenti.

In mano all'accusa anche l'intercettazione telefonica in cui la madre di Bossetti, Ester Arzuffi si sarebbe tradita sull'affaire di Giuseppe Guerinoni e Ignoto 1.

Yara Gambirasio news oggi- La difesa di massimo Bossetti

L'uomo, che fino a ieri aveva detto di non sapere spiegare il perché del suo DNA negli slip della 13enne, secondo il Corriere della Sera, avrebbe cambiato idea e adesso sarebbe pronto a giustificare la presenza di questo DNA, cosa che farà durante il ricorso al Riesame. Altri elementi a favore di Massimo Giuseppe Bossetti, sono il cellulare rimasto spento per 14 ore e che non avrebbe agganciato la cella di Chignolo d'Isola.