Gli attacchi di squali nei confronti degli umani sono veramente pochissimi e in genere limitati ai mari di località piuttosto lontane dall'Italia. Tuttavia, complice la fortunata serie di film che dipinge lo squalo come un insaziabile predatore di uomini, la paura nei confronti di queste creature è ormai radicata e non conosce confini culturali o territoriali. Così, quando pochi giorni fa i bagnanti intenti a rinfrescarsi a Badesi, in provincia di Olbia-Tempio, in Sardegna, hanno avvistato vicino alla riva l'inconfondibile pinna dorsale, è scoppiato il panico.

Tutti urlavano, in particolare ai bambini, di uscire subito dall'acqua, e pareva veramente di rivivere le atmosfere di una pellicola horror. Lo squalo ha continuato imperterrito il suo viaggio, fino a toccare la battigia, ormai deserta, e a rivelarsi per quello che era, ovvero una verdesca di un metro e mezzo. La scena è stata anche immortalata in un video che sta riscuotendo grande successo online. L'autore delle riprese è Charlye Ghezzi, che come molti altri si trovava in spiaggia per passare qualche ora tra sole e mare.

Chiariamo, per dovere di cronaca, che la verdesca, detta anche squalo azzurro, è molto comune nei nostri mari ed è tra gli squali meno pericolosi per l'uomo. E' tuttavia piuttosto insolito che si spinga fino alla battigia. Lo squalo è stato poi allontanato dalla spiaggia sarda e ha ripreso il largo, e le profondità più adatte alla sua specie. Per i bagnati solo un po' di paura e un'esperienza che di certo non scorderanno tanto presto.

Resta la preoccupazione per fenomeni inconsueti, causati probabilmente dalla pressione antropica, dall'inquinamento, dalla navigazione e dai cambiamenti ambientali. La presenza di una verdesca che si spinge fino a riva è cosa di poco conto, anche se i bagnati della spiaggia sarda probabilmente la pensano diversamente, ma i nostri mari stanno vivendo situazioni ben più complesse e preoccupanti, come l'arrivo di nuove specie, che potrebbero alterare in modo severo un delicato equilibrio ambientale, con rischi notevoli, anche per noi umani.

Segui la nostra pagina Facebook!