Era andato allo stadio Olimpico per assistere alla serata di gala fra la sua Roma e il grande Bayern Monaco di Pep Guardiola. Purtroppo, il piccolo Cristian, di appena 7 anni, non è più tornato a casa per raccontare agli amici le emozioni del pre - partita e la delusione per la pesante sconfitta subita dalla sua squadra del cuore: un drammatico incidente se l'è portato via insieme al papà, Stefano De Amicis, di 38 anni.

Il fatale impatto è avvenuto nella tarda serata di martedì 21 ottobre: alla fine della partita, Cristian e il padre sono saliti in sella allo scooter T - Max 500 per rientrare a casa dopo aver assistito al match di Champions League. All'altezza di via Nomentana, tra Santa Lucia e Mentana, un'auto ha colpito in pieno il mezzo meccanico, travolgendolo e sbalzandolo per aria. Il bambino, per la violenza dell'impatto, è morto sul colpo: il medico dell'ambulanza ha fatto di tutto per rianimarlo, ma dopo svariati tentativi ha potuto solo dichiarare il decesso di Cristian.

Il padre, Stefano, che lavorava come steward allo stadio Olimpico, è stato portato d'urgenza all'ospedale Sant'Andrea: poco dopo, però, anche lui non ce l'ha fatta ed è morto. Sono in corso le indagini per capire la dinamica del terribile incidente stradale che si è portato via un padre e un figlio che avevano deciso di assistere insieme ad una serata di grande calcio: lo scontro è stato così violento da distruggere quasi per intero l'automobile sportiva dell'investitore.

Quest'ultimo, un cittadino romeno quarantenne, incensurato, si è fermato dopo l'incidente per chiamare i soccorsi, anche se alla fine è stato tutto inutile: le forze dell'ordine stanno indagando anche su questa persona. Così si è conclusa la serata di Cristian, che forse in quegli ultimi istanti della sua vita stava ripensando alla brutta sconfitta della sua Roma, agli sfottò di qualche amico e compagno di scuola tifoso di un'altra squadra e, chissà, stava immaginando un'altra serata in compagnia del papà nella splendida cornice dello stadio Olimpico. Ma un destino beffardo ha deciso che a soli 7 anni i pensieri e i sogni di un bimbo dovessero finire lì, sul freddo asfalto di una serata di ottobre, spazzati via da un'auto in corsa che ha ucciso lui e il suo giovane padre.  

Segui la nostra pagina Facebook!