Guai seri per un'insegnante di sostegno inglese, accusata di aver circuito e di aver avuto diversi rapporti sessuali con uno studente sedicenne. Helen Turnball, della contea di Durham, ha 35 anni, è insegnante di sostegno con un divorzio in corso ed è madre di due bambini. Stando alle accuse, la donna avrebbe sedotto un suo allievo con baci e carezze intime, fino a consumare in più di un'occasione dei rapporti con lui. Inoltre, non contenta, lo avrebbe tempestato di sms "hot" e di fotografie provocanti.

Di fronte agli inquirenti, la professoressa ha riconosciuto di essere colpevole per aver sedotto il ragazzino e per essersi scambiata con lui baci e carezze, ma ha più volte ribadito che non avrebbe avuto alcun rapporto sessuale. L'accusa, in tribunale, ha sostenuto che anche se l'alunno era consenziente, ciò sarebbe avvenuto perché il giovanissimo amante si sarebbe fatto convincere dalla posizione predominante dell'insegnante che, dopo una serie di tecniche seduttive con baci e tenerezze, si sarebbe poi unita in un rapporto intimo con lui.

Tutto sarebbe iniziato durante un ballo di fine anno a scuola, al termine del quale Helen, rientrata a casa ubriaca, cambia l'immagine del suo profilo Facebook, inserendo una foto in cui compare abbracciata al ragazzo. Il giorno dopo il marito, accortosi di quella fotografia, va su tutte le furie, accusa la moglie di avere un amante e comincia il declino del matrimonio. A questo punto, la professoressa invia un messaggio allo studente e organizza un incontro segreto, durante il quale lo ricopre di baci e attenzioni. Stando a quanto riportato dall'accusa, qualche settimana dopo ci sarebbe stato un altro appuntamento e, nell'auto della donna, sarebbe stato consumato un rapporto, poi interrotto dall'arrivo di un'altra vettura. Nei giorni seguenti, l'originale coppia avrebbe fatto l'amore almeno in altre due occasioni e Helen avrebbe cominciato a mandare foto provocanti al ragazzino.

Quest'ultimo, però, per l'eccessiva pressione procurata da quell'insolita relazione, avrebbe cominciato ad allontanarsi. Ma nonostante ciò, Helen avrebbe continuato a tormentarlo, inviandogli sms di rabbia ogni qualvolta lo studente non rispondeva. Il padre del sedicenne, accorgendosi che la docente stazionava nei pressi della sua casa, decise di affrontarla, urlandole di essere una "pedofila". La donna rispose che non era così, ma l'uomo stufo e adirato riuscì a convincere il figlio a sporgere denuncia alla polizia.

Una volta arrestata, Helen ha ammesso di essersi scambiata carinerie col ragazzo, dato che si trovava in un momento difficile della sua vita, a causa del divorzio, e quelle tenerezze la aiutavano a stare meglio. Più volte, però, ha respinto l'accusa di aver consumato più rapporti sessuali col minorenne anche se, dai messaggi piccanti esaminati dalla polizia, ne sono emersi alcuni in cui i due "amanti" fantasticavano di poter un giorno fare l'amore in un bel letto. 

Segui la nostra pagina Facebook!