Brittany Maynard è morta dopo aver trascorso i suoi ultimi attimi circondata da famigliari e amici.

La Storia

All'inizio del 2014 alla ventinovenne Maynard Brittany è stato diagnosticato un cancro al cervello in stato molto avanzato, definito inoperabile e di livello 4. La particolare conformazione del cancro non lasciava speranza, un anno di vita al massimo. Il calvario prima della fine è già descritto nei libri di medicina; crisi epilettiche, dolori lancinanti alla testa e paralisi temporanee.

Brittany laureata all'Università della California a Berkelet e master alla U.C. di Irvine, aveva incontrato il suo futuro marito Dan Diaz nel 2007 e nel 2012 le nozze.

Brittany Maynard prese la sua decisione di darsi "la dolce morte" dopo aver appreso che non esistevano trattamenti in grado di salvarli la vita, alcuni avrebbero potuto allungarla ma distruggendo il tempo che le restava. In California non è possibile quindi parte tutta la famiglia fino in Oregon, uno dei 5 stati dove l'eutanasia è legale.

I media vengono informati dalla stessa famiglia, si accendono i riflettori su invito della stessa ragazza perché dice: "L'ho fatto perché voglio vedere un mondo in cui tutti hanno accesso alla morte con dignità, il mio viaggio sarà più facile grazie alla mia scelta"

Brittany diviene la bandiera di Compassion & Choice un'organizzazione pro-eutanasia.



La preparazione

Maynard esegue tutto ciò che è necessario per ottenere l'ok all'eutanasia, un medico di Portland prescrive il farmaco e lo consegna alla ragazza.

In totale accordo con la famiglia, coinvolta anche in un video per spiegarne le ragioni, decide che sarà il 30 ottobre la data della sua morte. Ultimato un viaggio in Arizona, tormentato dai dolori, sembra migliorare e decide di rinviare la data fatidica.

L'epilogo

Solamente due giorni dopo, nel letto di casa, circondata dal marito, famigliari e d amici, decide che è venuta l'ora, i dolori non le danno più tregua.

Maynard ingerisce il cocktail letale di barbiturici e si addormenta fino a che il suo cuore non cessa di battere, lascia un messaggio scritto: "Addio a tutti i miei cari amici e la famiglia che amo. Oggi è il giorno che ho scelto per andarmene con dignità di fronte alla mia malattia terminale. Il mondo è un posto bellissimo, l'ho imparato attraverso i viaggi, i miei amici e tutto quello che le persone mi hanno donato".

Brittany lascia ai suoi amici e alla famiglia il compito di proseguire la battaglia per l'eutanasia, muore così la ragazza che ha commosso e diviso, ancora una volta, gli Stati Uniti.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto