Ennesima denuncia di stupro per Bill Cosby, questa volta da parte dell'ex modella Janice Dickinson durante l'intervista andata in onda sulla CNN. Con lei siamo già a 15 donne che raccontano di aver subito violenze da parte del comico che negli anni '70 e '80 era molto famoso per la sua interpretazione del buon padre di famiglia Cliff Robinson nella serie omonima. Intanto il newtork televisivo NBC ha sospeso il nuovo show che avrebbe dovuto avere proprio Bill Cosby come attore principale nei prossimi mesi.

La denuncia di Janice Dickinson

Pesanti le parole di Janice Dickinson nei confronti di Bill Cosby, nell'intervista rilasciata a Fredricka Whitfield e trasmessa sulla CNN: "mostro f*ttiti, dovresti ammettere che sei un maiale " afferma tra le lacrime.

La donna racconta che nel 1982, quando ancora doveva diventare famosa, accettò l'invito ad uscire ricevuto da Cosby. Racconta di averlo fatto con assoluta innocenza: secondo la promessa di Bill l'uscita doveva servire per agevolare la carriera di Janice, e lei era tranquilla perché sapeva che lui era sposato. In realtà poi le cose andarono in modo ben diverso: dopo essersi recati nell'hotel Lake Tahoe Janice prende una pillola offerta dall'attore per attenuarle dei dolori dovuti al ciclo. Ma poi lei non ricorda più niente: sa solo di essersi svegliata dopo molte ore ritrovandosi piena di dolori ovunque, oltretutto sporca di liquido seminale dell'uomo.

Perché non lo denunciò nel 1982?

Sempre tra le lacrime, Janice Dickison racconta altri particolari della vicenda: i pantaloni del pigiama abbassati e sporchi di sostanze organiche dell'attore, la parte sopra aperta.

I migliori video del giorno

E il motivo per cui non lo aveva denunciato: ha avuto paura - anche per la sua carriera - afferma, lui era ed è ancora un uomo potente mentre lei era solo una ragazzina. Dopo lo stupro lei si era sentita imbarazzata e umiliata, aveva provato una forte ripugnanza nei confronti di Cosby soprattutto perché si era fidata di lui.

La difesa di Bill Cosby

Bill Cosby continua a mantenere stretto riserbo, non rilascia dichiarazioni in merito a tutte le accuse che fioccano negli ultimi mesi contro di lui per le violenze e gli stupri commessi circa 30 anni fa. Il suo avvocato continua - ovviamente - a difenderlo a spada tratta insinuando che siano tutte falsità le accuse emerse da ben 15 donne diverse.