L'Osservatore Romano ha reso noto che Daniel Rudolf Anrig, il Comandante del Corpo delle Guardie Svizzere, che presta servizio in Vaticano, è stato rimosso dal suo incarico su ordine specifico del Pontefice, Papa Francesco. L'incarico dell'Alto Ufficiale delle Guardie Pontificie, terminerà il suo mandato di cinque anni, il 31 Gennaio 2015. Alcune fonti vaticane, avrebbero rivelato che il motivo principale di questa decisione assunta dal Santo Padre, è dovuta al fatto che papa Francesco predilige un Corpo meno militare, anche se alcune insistenti indiscrezioni apprese da un'agenzia francese, dicono che le Guardie si lamentavano per la troppa severità del Comandante.

Evidentemente la notizia è giunta all'orecchio di Bergoglio e per questa ragione, avrebbe deciso di smilitarizzare l'organizzazione vaticana a cominciare dal vertice.

Il sostituto potrebbe essere l'attuale vice comandante Christoph Graf che è arrivato nel Corpo delle Guardie Svizzere come un alabardiere normale e poi a distanza di ben 27 anni, è arrivato ad essere il vice di Anrig. Nel documento che ufficializza la rimozione del comando, il Pontefice comunica la proroga fino al 31 gennaio prossimo, ma non esprime alcun ringraziamento per il servizio prestato dal Colonnello, questa conferma l'assoluta contrarietà che Francesco aveva per l'Ufficiale.

Sempre secondo alcune fondate indiscrezioni, Bergoglio era andato di recente a far visita presso la Caserma del Corpo ed aveva notato che le Guardie erano molto stanche e demotivate, si presume che tutto sia partito da questo episodio il quale avrebbe turbato non poco il papa e lo avrebbe portato a prendere una decisione senza precedenti.

I migliori video del giorno

Un avvenimento del genere infatti non era mai accaduto in Vaticano dal lontano 1506, quando le Guardie Svizzere al comando del Capitano KasparVon Silenen, entrarono in Vaticano per rimanere definitivamente al servizio dell'allora Pontefice Papa Giulio II. Il Corpo alle dipendenze di Francesco è composto da 120 elementi oltre i due Ufficiali al comando, che da più di cinquecento anni difendono le mura della Santa Sede.