Sono disperati i genitori del piccolo Loris Stival, il bambino di Ragusa di appena otto anni, trovato morto lo scorso sabato in un canale di scolo nella zona del 'Mulino vecchio' in località Santa Croce di Camerina. Le ultime news avevano parlato di una morte a causa di un colpo alla testa preceduto da una violenza sessuale. Dopo la conferenza stampa di oggi tenuta da Polizia e Carabinieri, sono emerse ulteriori news sul caso del piccolo Loris di Ragusa che sottolineano le cause della morte del bambino. La svolta potrebbe essere ormai vicina? Chi è l'orco che ha ucciso Loris? Ecco l'appello degli inquirenti.

Loris, le news sulle cause della morte e l'appello degli inquirenti

Loris, il bambino di Ragusa di otto anni, è stato ucciso in modo violento.

"Asfissia da strangolamento": sarebbe questa la causa principale della morte del piccolo Loris Stival stando alle ultime news trapelate dall'autopsia eseguita sul corpicino della giovanissima vittima. E' quanto emerso dalla conferenza stampa organizzata nella mattinata odierna per fare il punto della situazione sul caso. Dopo essere stato strangolato Loris sarebbe stato fatto precipitare da un'altezza di 2 metri e mezzo circa, evento che avrebbe potuto anch'esso contribuire alla morte del bimbo di Ragusa. Non ci sarebbero invece elementi per poter parlare di una violenza sessuale come era stato ipotizzato nelle prime ore del giorno.

Dalle ultime news sul caso del piccolo Loris di Ragusa, stando a fonti vicine agli inquirenti, si ipotizza inoltre una svolta imminente: chi è l'orco che ha compiuto un delitto simile? Secondo le prime ipotesi, supportate anche dal lavoro dei cani molecolari, Loris Stival sarebbe stato fatto salire su un'auto e proprio su questo aspetto lavorano attualmente gli inquirenti al fine di poter dare un nome ed un volto al responsabile della sua morte. Si tratta con ogni probabilità di qualcuno di cui Loris si fidava e che conosceva bene, alla luce della sua grande diffidenza nei confronti degli estranei.

I migliori video del giorno

In attesa della svolta ormai vicina, gli inquirenti hanno voluto fare un appello importante in seguito alla scomparsa dello zainetto del bambino: chiunque dovesse entrare in possesso di uno zaino a forma di ovetto blu è invitato a consegnarlo agli inquirenti, anche in forma anonima, senza aprirlo. Per tutte le ulteriori news sul caso di Ragusa e del piccolo Loris, vi invitiamo a cliccare sul tasto "Segui", in alto appena sotto il titolo di questo articolo.