Proseguono incessantemente le indagini per cercare di trovare il colpevole della morte di Andrea Loris Stival, il bimbo di otto anni morto per asfissia e ritrovato da un cacciatore a quattro chilometri da Santa Croce Camerina, in provincia di Ragusa. Per ora, l'unico indagato per sequestro di persona e omicidio volontario è Orazio Fidone, il cacciatore che ha ritrovato il cadavere del bimbo. Egli ha affermato di essere molto tranquillo, aggiungendo: "Rifarei tutto quello che ho fatto". Secondo il suo legale, Pietro Savà, Orazio Fidone avrebbe "un alibi di ferro", dato che la mattina dell'omicidio non si trovava a Santa Croce Camerina, bensì a Vittoria.

Dunque, la prinicipale sospettata degli inquirenti è Veronica Panarello, venticinquenne casalinga, madre del piccolo Andrea Loris Stival. La donna ha dato delle testimonianze che non collimano con le immagini delle telecamere di videosorveglianza di Santa Croce Camerina. Per giunta, dai verbali di Veronica Panarello emergono numerose incongruenze sulle quali stanno lavorando incessantemente gli inquirenti.

Ultime news Andrea Loris Stival, gli inquirenti stanno scavando sul passato della madre

Al momento le indagini procedono a ritmo serrato. Gli inquirenti stanno cercando di scavare sul passato della madre del bimbo, Veronica Panarello. Su di lei sono emerse delle indiscrezioni che potrebbero essere molto utili per risolvere il caso. Per esempio, una fonte autorevole come il "Corriere della Sera" riporta che Veronica Panarello avrebbe tentato il suicidio due volte quando era ancora molto giovane, per via di grossi problemi nel rapporto con la madre.

I migliori video del giorno

E un tentativo di suicidio sarebbe avenuto con una fascetta di plastica molto simile a quella usata per strangolare il piccolo Andrea Loris Stival.

Ultime news Andrea Loris Stival, indiscrezione inquietante sulla madre

Emerge inoltre un altro dettaglio molto inquietante: quando aveva quindici anni, Veronica Panarello avrebbe testimoniato alla polizia di avere visto Denise Pipitone, la bimba di Mazara del Vallo scomparsa nel 2004 e mai ritrovata. Una notizia davvero strana, dato che proprio in questo periodo la Procura di Ragusa ha riaperto le indagini per l'omicidio della piccola.