Quasi un mese dopo l'arresto avvenuto lo scorso 8 dicembre su disposizione di ordinanza cautelare in carcere emessa dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Ragusa su richiesta della procura, oggi (martedì 6 gennaio 2015) Veronica Panarello, di 26 anni, la mamma siciliana accusata di avere ucciso il figlio Loris Stival lo scorso 29 novembre 2014 a Santa Croce Camerina (in Sicilia, nel Ragusano), ha ricevuto per la prima volta in carcere ad Agrigento la visita di suo marito nonché padre dei due bimbi che hanno messo in vita Davide Stival.

Pubblicità

Caso Loris Stival, primo incontro in carcere tra il padre e la madre del bimbo ucciso

Il padre di Loris, che dal giorno dell'arresto ha preso le distanze dalla moglie accusata di omicidio volontario e occultamento di cadavere considerando i forti dubbi emersi dalle indagini nei suoi confronti, è entrato stamattina nel carcere agrigentino di contrada Petrusa. La mamma siciliana presunta infanticida, difesa dall'avvocato Francesco Villardita che ha già annunciato un possibile ricorso in Cassazione contro l'ordinanza dei giudici del riesame, si è sempre dichiarata innocente dicendo agli inquirenti di cercare il "vero" assassino del figlio.

Nei giorni scorsi, come si ricorderà, il tribunale delle libertà di Catania ha respinto la richiesta di scarcerazione avanzata dal legale donna confermando la misura cautelare in carcere per i gravi indizi di colpevolezza finora emersi nei suoi confronti. A quasi un mese dall'arresto di Veronica Panarello, l'incontro il padre e la madre del piccolo Loris Stival nella casa circondariale di Agrigento si sarebbe svolto - secondo quanto racconta l'agenzia di stampa Agi - alla presenza del nonno materno del bimbo ucciso, il signor Francesco Panarello, che nei giorni scorsi aveva rivolto un appello al genero: "Veronica ti ama, non abbandonarla".

Pubblicità

Loris Stival, sindaco di Santa Croce Camerina annuncia iniziativa in memoria del bimbo ucciso

Intanto, mentre proseguono le indagini per fare piena luce sul delitto e in attesa del nuovo vertice degli inquirenti alla procura di Ragusa dopo l'Epifania, il sindaco di Santa Croce Camerina, Franca Iurato, annuncia un'iniziativa in ricordo del piccolo Loris Stival. Un auditorium sarà realizzato a Santa Croce Camerina e intitolato alla memoria del bimbo di 8 anni ucciso e gettato in un canalone vicino alla zona del Mulino Vecchio.

Il primo cittadino ha spiegato che la sua giunta comunale intende "realizzare un punto utile all'aggregazione sociale nel nome del piccolo Loris Stival, in modo che tutta la comunità cittadina possa ricordarlo quotidianamente".