Proseguono senza sosta le indagini sul caso di Yara Gambirasio, la tredicenne ginnasta di Bembrate di Sopra trovata morta il 26 novembre di cinque anni fa. L'unica persona accusata di avere ucciso la ragazzina è Massimo Bossetti, che si trova rinchiuso nel carcere di Bergamo dal 16 giugno scorso. Sembra che il quarantaquattrenne muratore di Mapello stia per essere inchiodato definitivamente, dato che nelle ultime ore è emersa un'intercettazione shock, prontamente diffusa dal "Corriere della Sera". Sembra infatti che in un dialogo con gli altri detenuti Massimo Bossetti si sia autocondannato. Tuttavia, il legale del carpentiere, Claudio Salvagni, ritiene che tale frase detta dal suo assistito sia stata male interpretata.

Ma vediamo subito tutte le ultime news sul caso di Yara Gambirasio.

Ultime news Yara Gambirasio, clamorosa intercettazione di Massimo Bossetti, è svolta? Secondo il suo legale no

Ha fatto molto scalpore la frase che Bossetti avrebbe pronunciato in un dialogo in carcere; gli altri detenuti gli avrebbero detto di confessare: "Confessa, altrimenti ti daranno l'ergastolo", gli avrebbero detto. E Bossetti avrebbe risposto: "So di rischiare l'ergastolo, ma non confesso per la mia famiglia". In molti hanno interpretato questa frase come un'autoconfessione, vedendo vicina la svolta per il caso di Yara Gambirasio. Non la pensa di certo così il legale di Massimo Giuseppe Bossetti, Claudio Salvagni, il quale, durante la trasmissione "Mattino 5" ha dichiarato che la frase intercettata sarebbe stata male interpretata.

I migliori video del giorno

"La frase intercettata è stata estrapolata dal contesto e manipolata; ne è stato travisato completamente il senso". Secondo Salvagni, infatti, il suo assistito avrebbe detto: "Non confesso per non colpire la mia famiglia", nel senso di non avere nulla da confessare in quanto innocente. Salvagni ha inoltre aggiunto: "Il mio assistito vuole che la sua famiglia non si vergogni di nulla, continuando a portare a testa alta il suo cognome. Si tratta di una frase suggestiva, alla quale si è data troppa importanza. Intanto, è stata aggredita la sorella di Massimo Bossetti, che ha riportato un trauma cranico e tre costole rotte. Si tratta di una strategia intimidatoria per costringere il muratore di Mapello a confessare l'omicidio?