Attivisti per i diritti delle donne afghane vestite dalla testa ai piedi di nero hanno voluto rompere con la tradizione. Domenica a Kabul sono state le donne a portare la bara di una donna picchiata a morte dalla folla nella capitale dopo la falsa accusa di aver bruciato una copia del Corano. Una folla di uomini aveva ammazzato di botte la ventisettenne Farkhunda, prima di gettare il suo corpo da un tetto, investito con un'auto, bruciato e gettato in un fiume vicino ad una moschea. L'accusa sembra essere solo apparentemente innescata dal fatto che la donna avesse dato fuoco al Corano, ma investigatori della polizia affermano che non è stata trovata alcuna prova per sostenere tali affermazioni.

Il video del linciaggio è stato ripreso con cellulari, diffuso in rete e sconvolto molti afghani che hanno poi fatto appelli per la giustizia e la sua riforma. "Vogliamo giustizia per Farkhunda, vogliamo giustizia per le donne afghane. Tutte queste ingiustizie che accadono loro sono inaccettabili", ha detto l'attivista per i diritti delle donne che si fa chiamare dr. Alima. "in quale religione la fede è un pretesto per bruciare una persona a morte? Oggi è un giorno di lutto nazionale e non si deve tacere".

Il presidente Ashraf Ghani, ora a Washington per la sua prima visita di Stato negli USA dal momento del suo insediamento nel mese di settembre, ha condannato l'assassinio come un "attacco efferato" ed ha ordinato un'inchiesta. Le accuse sono anche rivolte alla polizia in quanto non ha fatto nulla per fermare la barbara uccisione.

I migliori video del giorno

Nonostante le garanzie costituzionali di uguaglianza dei diritti e dei processi in materia di accesso alla sanità ed all'istruzione, per molte donne è cambiato ben poco dal 2001, anno in cui la coalizione guidata dagli Usa ha iniziato la guerra contro i talebani e le loro regole. Ma questo solo in teoria. Sia le donne che i bambini sono trattati come merci sotto il controllo del maschio.

Per protestare queste inciviltà, centinaia di persone si sono riunite domenica in un cimitero vicino alla casa di Farkhunda, e col permesso del padre le donne vestite di nero hanno trasportato la bara da un' ambulanza fino al luogo dell'inumazione, pregando a cielo aperto. Questi rituali di solito vengono svolti da uomini. Najibullah, fratello di Farkhunda ha detto alla folla "Lei era sorella di tutti voi, ed è vostro dovere seppellirla!". Il funerale è stato trasmesso in diretta, con la presenza di politici ed alti funzionari della polizia. Gli uomini hanno formato una catena attorno alle donne che trasportavano la bara al fine di offrire protezione e sostegno. Sembra che il linciaggio abbia avuto origine da una controversia tra la donna laureata in studi religiosi e uomini che vendevano amuleti vicino al santuario di Shah-Do Shamshera. Accusandoli di essere parassiti e dicendo alle donne presenti di non sprecare soldi con loro, gli uomini l'hanno accusata di aver bruciato un Corano e l'hanno picchiata a morte.