Sara Brautigam, una ragazza inglese di Doncaster di 21 anni, soffre di una rara malattia che le fa fermare il cuore per alcuni minuti . Un incubo per la giovane donna che nell'ultimo anno è stata dichiarata clinicamente morta per ben 36 volte. Questa sindrome molto rara le è stata diagnosticata 4 anni fa e si tratta di un disturbo che porta al conseguente crollo della pressione. Tachicardia posturale ortostatica questo è il nome della malattia che non permette a Sara di vivere tranquillamente e con serenità. Alla ragazza accadono questi episodi i suoi battiti cardiaci accelerano in modo anomalo e in seguito il suo cuore smette di battere per alcuni minuti.

La vita di Sara è un continuo incubo, non potendo né guidare la macchina né tantomeno lavorare: impedimenti che le hanno fatto perdere il lavoro e molte amicizie.

Cosa prova Sara?

Sara in quei momenti drammatici si sente molto stanca come se stesse per perdere i sensi, riesce a sentire quello che succede intorno a lei ma è come se non riuscisse a parlare nonostante si sforzi di farlo. Spesso i medici per cercare di riportare in vita la ragazza le infliggono dolore e Sara si risveglia con alcuni lividi sul corpo. Sara nonostante questa rara malattia sta cercando di non mollare e grazie al "burlesque" ha ritrovato quegli stimoli che spesso le erano mancati. La ragazza ha affermato che è meglio vivere intensamente piuttosto che a lungo e che il burlesque le sta dando la forza necessaria per andare avanti.

I migliori video del giorno

Questa storia ha avuto un grosso risalto mediatico con numerosi siti ed alcune tv che hanno raccontato la disavventura di Sara Brautigam. "Huffingtonpost.it", "IlGiornale.it" ed "Il Mattino.it" sono solo alcuni dei siti che hanno sviluppato e narrato la storia di questa povera ragazza. Il coraggio della giovane britannica di Doncaster è totalmente da ammirare. Affrontare la vita giorno dopo giorno pur sapendo di poter morire da un momento all'altro affosserebbe qualsiasi persona, figuriamoci chi come Sara si è "affacciata" da poco alla vita. Chapeau!