Le ultime notizie sul caso di Yara Gambirasio confermano come Massimo Giuseppe Bossetti sarà presto sottoposto a processo con l'accusa di omicidio volontario aggravato e calunnia. La richiesta è stata formulata ufficialmente dal pm Letizia Ruggeri che il 26 febbraio scorso aveva chiuso le indagini e aveva indicato il muratore di Mapello, sposato e padre di tre bambini, come l'assassino della ragazza di Brembate di Sopra. Il presidente del gip di Bergamo dovrà adesso indicare la data in cui fissare l'udienza in cui si discuterà del rinvio a giudizio. Le prove raccolte contro Bossetti sembrano essere determinanti e la Procura di Bergamo potrebbe decidere per una richiesta di ergastolo per l'imputato.

Yara Gambirasio: ecco le prove raccolte contro Bossetti

L'imputato Bossetti, che si trova in carcere da giugno, è stato indicato come l'esecutore materiale dell'omicidio di Yara Gambirasio, deceduta a causa dell'aggressione, del freddo e dell'inedia. Le prove raccolte contro di lui dal pm Letizia Ruggeri sono di vario genere e contribuiscono alla creazione di un quadro indiziario considerato "completo". In primo luogo, c'è la questione del DNA ritrovato sugli slip e sui leggins della ragazza - nonostante le ultime news sul caso di Yara Gambirasio abbiano sottolineato i dubbi di un genetista sui risultati del test; in secondo luogo ci sono le immagini delle telecamere che hanno ripreso un furgone Iveco identico a quello di Bossetti nei pressi della palestra pochi minuti prima la scomparsa della ragazza; ci sono poi le ricerche internet effettuate dall'indagato con parole chiave come "tredicenne", "vergine", "rossa"; infine - elemento considerato tra i più importanti - il ritrovamento di fibre tessili compatibili con quelle dei sedili del furgone di Bossetti sul giubbotto e sui pantaloncini di Yara.

I migliori video del giorno

Bossetti, i capi d'imputazione e il rischio ergastolo

I capi di imputazione nei confronti di Bossetti siano due: il primo è di omicidio volontario aggravato, il secondo è di calunnia e fa riferimento al tentativo dell'imputato di sviare le indagini facendo ricadere la colpa su un compagno di lavoro. Ai capi di imputazione si aggiungono le aggravanti che potrebbero portare a una condanna per ergastolo: si tratta soprattutto dell'aggravante della sevizia e della crudeltà. In più, verrà contestato a Bossetti anche il fatto di aver approfittato delle circostanze legate al tempo (cioè aver agito nelle ore serali e notturne), al luogo (il fatto di aver consumato il delitto in un campo isolato), di persona (il fatto di aver approfittato, lui uomo adulto, di una ragazzina di appena 13 anni).

È tutto con le ultime notizie sul caso di Yara Gambirasio. Per ricevere aggiornamenti su questo e altri casi di cronaca nera, il suggerimento è cliccare sul tasto "Segui" in alto al di sopra del titolo dell'articolo.