Torna a parlare Vanessa Marzullo, una delle due volontarie italiane sulle quali sono nate numerosissime polemiche dopo il loro ritorno dalla Siria. Giorni di tweet, discussioni e critiche sul presunto riscatto che l'Italia avrebbe pagato per la liberazione di Greta e Vanessa. Maurizio Gasparri aveva persino detto che le due volontarie si sarebbero concesse sessualmente ai loro aguzzini. Insomma, le polemiche sulle due volontarie italiane avevano fatto il giro del web; ora, Vanessa Marzullo ha rotto il silenzio, rilasciando un'intervista al quotidiano "La Repubblica", nella quale è tornata a parlare della sua prigionia in Siria, dove è stata nelle mani di militanti del Fronte al Nusra.

La volontaria ha anche annunciato la sua sua volontà di tornare in Siria, insieme alla sua amica Greta Ramelli, per aiutare la popolazione civile. Una dichiarazione che sicuramente scatenerà altre polemiche. 

Ultime news Greta e Vanessa, parla la Marzullo: "Torneremo in Siria"

Greta Ramelli e Vanessa Marzullo sono state rapite in Siria nel luglio dell'anno scorso e sono state liberate il 15 gennaio di quest'anno. Vanessa Marzullo, dopo due mesi dalla sua liberazione, ha deciso di concedere un'intervista al quotidiano "La Repubblica", nella quale ha affermato di volere tornare a fare volontariato: "Io e Greta torneremo in Siria, ma è stato gettato troppo fango su di noi. Da mesi vivo in un guscio".  La ventunenne Vanessa Marzullo ha ribadito che non ha nulla di cui vergognarsi: "Siamo andate volontarie in Siria con il progetto per il quale abbiamo lavorato per tre anni, 'Assistenza sanitaria Siria'.

I migliori video del giorno

Ormai è da tre anni che aiutiamo la popolazione siriana che sta per essere spazzata via da una tremenda dittatura. Di fronte a questo scempio il mondo occidentale è rimasto a guardare". Alcuni hanno sostenuto che Greta e Vanessa siano partite per conto dell'Onu, ma la Marzullo ha tenuto a negare: "Non siamo andate in Siria per conto dell'Onu e non abbiamo mai distribuito kit di salvataggio per i terroristi, come hanno scritto alcuni giornali". La Marzullo ha invece specificato che lei e Greta sono iscritte alla Croce Rossa e che hanno partecipato ad iniziative in varie città del Nord Italia.