Guerrina Piscaglia era invaghita di Padre Gratien, era rimasta incinta e voleva che il prete congolese si assumesse le sue responsabilità: questa la ricostruzione dei fatti al vaglio del gip di Arezzo Piergiorgio Ponticelli, che una manciata di giorni fa ha dato l'ok all'arresto del sacerdote africano con l'accusa di omicidio e occultamento di cadavere. Che le indagini avessero vissuto una svolta era chiaro sin da quando il prelato è stato intercettato e arrestato a poche ore dalla scadenza dell'obbligo di permanenza in Italia, ma adesso ogni particolare sembra andare al proprio posto come in un puzzle i cui pezzi erano andati perduti.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Le ultime news sull'omicidio di Guerrina Piscaglia aggiornate ad oggi 29-04 non possono dunque non concentrarsi sulla tresca che legava Padre Gratien e Guerrina Piscaglia, un menage che secondo quanto riportato anche da Repubblica era ormai andato oltre.

La donna era diventata opprimente e ossessiva e minacciava l'uomo di scatenare uno scandalo. C'è un colpevole, c'è un movente, si parla di omicidio ma non c'è ancora un cadavere. Senza un corpo sarà quasi impossibile per l'accusa continuare a trattenere il sacerdote agli arresti.

Ultime news Guerrina Piscaglia, novità e aggiornamenti 29-04: la donna era probabilmente incinta, il sacerdote temeva uno scandalo

Adesso che si è in presenza di un minimo di ricostruzione dei fatti dai quali partire bisogna comunque sciogliere altri dubbi, a cominciare dal luogo e dall'ora del delitto. Le ultime notizie sull'omicidio di Guerrina Piscaglia relative ad oggi 29 aprile da questo punto di vista sottolineano che la donna sarebbe stata uccisa tra le 13.46 e le 14.34 lungo la via Marecchiese, l'ultimo luogo nel quale è stata vista da alcuni testimoni. Da lì il vuoto più totale. Nessuno l'ha più vista o sentita, nessuno le ha più parlato. Eppure Padre Gratien è stato ritrovato con indosso il cellulare della donna. Perché? Secondo gli inquirenti il prelato avrebbe voluto confondere le acque inviando messaggi dal cellulare di Guerrina dopo averla uccisa. Difficile in questo modo stabilire la data della morte (si deve comunque presumere che quegli sms possa averli inviati lei) così come appare difficile parlare di morte senza un corpo. Da qui l'altra 'idea' partorita da Padre Gratien di occultare i resti di Guerrina bruciandoli e riponendoli in un luogo sicuro.



La domanda principale a questo punto riguarda proprio la collocazione del corpo. Dove sono finiti i resti di Guerrina Piscaglia? Da questo punto di vista non ci sono stati grandi passi in avanti. Il cimitero di Sestino o la misteriosa valigia di cui parla Padre Gratien in alcune intercettazioni costituiscono ad oggi le uniche due ipotesi al vaglio della magistratura. Come detto, senza un corpo sarà quasi impossibile continuare a parlare di omicidio a carico del prete. Il rinvenimento dei resti consentirebbe inoltre di scoprire se la donna fosse davvero incinta, cosa che avvalorerebbe ulteriormente l'ipotesi del delitto passionale. Cliccate il tasto 'Segui' in alto a destra se desiderate continuare a rimanere aggiornati sui prossimi sviluppi.