Nuova clamorosa svolta nel giallo di Guerrina Piscaglia, la donna scomparsa da Ca' Raffaello, in provincia di Arezzo, lo scorso 1 maggio. Secondo le ultime news non sarebbero sue le ossa ritrovate nell'ossario all'interno di una botola in una cappella del cimitero di Sestino. A rivelarlo è l'agenzia Ansa che con questa notizia va ad aprire così la strada ad un nuovo quesito: a chi appartengono? Il mistero attorno alla donna e mamma cinquantenne, dunque, si infittisce sempre di più e va a capovolgere totalmente anche le sorti di Padre Graziano - unico indagato - in vista della scadenza del divieto di espatrio.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Ecco le news aggiornate sul giallo di Guerrina Piscaglia.

Guerrina Piscaglia news: le ossa non sono le sue, novità su Padre Graziano

Le ossa rinvenute pochi giorni fa in un ossario all'interno di un piccolo cimitero nella provincia di Arezzo dai Carabinieri e che subito avevano fatto pensare che appartenessero a Guerrina Piscaglia, non sono quelle della donna scomparsa misteriosamente da oltre 11 mesi.

Secondo le news rese note dall'Ansa, i resti ritrovati apparterrebbero ad un uomo di bassa statura, aprendo la strada a nuovi interrogativi: a chi appartengono effettivamente? Ma soprattutto, Guerrina Piscaglia è ancora viva? Secondo quanto svelato dal geometra responsabile del piccolo cimitero, l'ultima volta che gli operatori avevano avuto accesso all'ossario, risale al mese di novembre 2014 quando sono stati conferiti dei resti di defunti deceduti tra 50 e 70 anni fa. Le ossa trovate dagli inquirenti e che secondo le news sarebbero stati guidati sul posto dalle indicazioni di una sensitiva, avrebbero invece ancora delle cartilagini. A novembre 2014, le ossa 'giovani' e che si pensava potessero appartenere a Guerrina Piscaglia con ogni probabilità non erano ancora state depositate in quel luogo.

I migliori video del giorno

La news diffusa dall'Ansa in esclusiva e che smentisce che le ossa possano appartenere a Guerrina Piscaglia, capovolge anche la posizione di Padre Graziano, unico indagato della sparizione della donna. Nelle ultime ore si discuteva delle possibili misure da adottare nei confronti del religioso che rischiava sempre più di finire in manette con l'accusa di omicidio di Guerrina Piscaglia, ma ora, in seguito alla clamorosa svolta, ci si avvicina sempre di più alla scadenza del divieto di espatrio del prete congolese che potrebbe così tornare in libertà. L'interrogativo ora è doppio: a chi appartengono realmente le ossa ritrovate insieme ad un cranio ed ai tre denti d'oro nel cimitero dell'Aretino? Ma soprattutto, Guerrina è ancora viva? Per gli aggiornamenti costanti sul giallo della donna di Ca' Raffaello e altri casi di cronaca nera, vi invitiamo a cliccare sul tasto "Segui" in alto a questa news.