Novità shock quelle che sono emerse nelle ultime ore riguardanti la figura di Padre Gratien Alabi, in carcere dallo scorso 23 aprile in quanto sospettato dell'omicidio e dell'occultamento di cadavere di Guerrina Piscaglia, la donna di Ca' Raffaello misteriosamente sparita dallo scorso primo maggio 2014 e di cui non si hanno più notizie. Vi abbiamo parlato, nei giorni scorsi, della vita piuttosto 'libertina' e moralmente dubbia condotta dal prelato congolese ma le notizie di oggi, giovedì 14 maggio, non fanno altro che aumentare i sospetti nei confronti del sacerdote.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Frasi shock di Padre Gratien: 'Guerrina non c'è più'

Gli inquirenti, infatti, hanno esaminato degli appunti che sono stati rinvenuti nella canonica di Padre Gratien, appunti contenenti delle frasi e dei particolari agghiaccianti.

Il prete scrive di essersi innamorato di una donna e che questa è rimasta incinta: in più, viene aggiunto che questa donna gli avrebbe fatto spendere un mucchio di soldi. Gli investigatori che si stanno occupando del caso avrebbero poi letto una frase scarna che fa venire semplicemente i brividi: 'Guerrina non c'è più'. la frase, tra l'altro, è stata accompagnata da un disegno, a mò di schizzo, raffigurante una bara. Queste informazioni sono state rese note dal giornalista de 'Il Corriere di Arezzo', Luca Serafini, intervenuto nel corso della trasmissione 'Pomeriggio Cinque' dove Barbara D'Urso ha parlato del caso di Guerrina. 

Il corpo di Guerrina Piscaglia gettato nel fiume Marecchia?

Infine, ha destato particolare interesse tra gli inquirenti, un'altra frase enigmatica scritta tra gli appunti di Padre Gratien.

I migliori video del giorno

Il prete scrive di un telefono che è caduto in acqua come il libro delle preghiere'...Che cosa voleva dire con questa frase il sacerdote? Forse che il corpo di Guerrina Piscaglia sia stato buttato nel fiume Marecchia che scorre poco lontano da lì? Dietro il silenzio del religioso, è nascosta questa verità tremenda? Il suo avvocato difensore, Luca Fanfani, continua a ribadire l'innocenza del suo assistito ma, giorno dopo giorno, la posizione di Padre Gratien Alabi si fa sempre più imbarazzante.