Ancora sbarchi sulle coste italiane, i migranti stanno arrivando a centinaia e quelli già presenti, hanno portato con loro racconti di nuove tragedie. Stamattina sono arrivati in 600 al porto di Napoli, riportati sulla terraferma dalla Foscari della marina militare. Si fatica a tenere il conto dei migranti che sbarcano in queste ore a centinaia, in più punti dell'Italia meridionale e non solo. Oltre 400 arrivati stamattina a La Spezia sul mercantile battente bandiera maltese, che li aveva recuperati in mare. Di quelli che muoiono prima, inghiottiti dal Mar Mediterraneo, non sapremo mai i nomi, dovrebbero essere 40 le vittime dell'ultimo naufragio, come hanno raccontato coloro che sono sopravvissuti.

Hanno riferito al TG5 i superstiti arrivati ieri a Catania: "Il nostro gommone ha avuto un'incidente, forse un'esplosione, mentre si stava avvicinando la nave dei soccorsi". Quanti sono annegati? Un numero elevato, ha affermato la procura, che ha aperto l'ennesima indagine sull'ennesima tragedia.

Un fenomeno destinato a non finire in tempi brevi

All'alba nel porto di Roccella Jonica, sono arrivati 231 migranti salvati ieri sera ad 80 miglia dalla costa calabrese, erano su un vecchio peschereccio, che imbarcava acqua. Secondo il TG5 sempre ieri sera 30 siriani hanno raggiunto Marina Serra di Tricase in provincia di Lecce. Dieci volte più numeroso, 328 persone, il gruppo portato in mattinata a Messina da una nave della guardia costiera islandese, metà di essi saranno ospitati fuori dalla Sicilia.

I migliori video del giorno

La Val D'Aosta ha dichiarato la sua assoluta impossibilità di accogliere i migranti, il Viminale aveva chiesto alla regione autonoma di ospitarne almeno 79. Dal sito della Repubblica, si viene a sapere che è stata chiamata Gift ( dono in inglese) la bambina nigeriana nata tre giorni fa sulla nave "Bettica" della marina militare. La neonata è ricoverata al momento assieme alla madre Stefany (24 anni), presso l'ospedale di Modica, luogo in cui ha oggi ricevuto la visita di Maurizio Aricò, manager dell'Asp7 di Ragusa e del suo staff.