Potrebbe essere stato ucciso in casa e poi lasciato lì vicino al Vecchio Mulino oppure essere ammazzato direttamente al Vecchio Mulino con la morte causata da un forte trauma cranico. Stiamo parlando dell'omicidio di Loris Stival, con le ultime news aggiornate ad oggi 25 maggio a concentrarsi in modo particolare sulla dinamica del delitto. Nella macchina di Veronica Panarello, madre di Loris e unica accusata di essersi macchiata del crimine, è stato ritrovato del terriccio a prima vista simile a quello che si trova vicino all'area del Vecchio Mulino.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Serviranno ulteriori accertamenti per comprendere se il terriccio è lo stesso ma qualora arrivassero delle conferme si tratterebbe di un indizio pesante a carico della 26enne di Santa Croce Camerina che potrebbe essersi 'sporcata' mentre scaricava il corpo del bambino.

Un altro importante elemento riguarda invece le cause della morte del piccolo, che potrebbe essere deceduto non per asfissia ma per un forte trauma cranico.

Notizie e ultimi aggiornamenti Loris Stival oggi 25 maggio: il terriccio e il trauma cranico, dov'è morto il bambino?

A questo punto delle indagini ogni elemento va riconsiderato. Si perché fin quando non si stabilirà il luogo esatto del decesso nonché cause e dinamiche dello stesso sarà presso che impossibile accertare con esattezza fatti e responsabilità. Le ultime news sull'omicidio di Loris Stival aggiornate ad oggi 25 maggio si concentrano in modo particolare sui rilievi condotti sulla macchina di Veronica Panarello; a bordo sono state trovate tracce di terriccio simili a quello antistante la zona del Vecchio Mulino e se dagli esami risulterà essere lo stesso la posizione di Veronica potrebbe aggravarsi. Si perché la donna ha sempre negato di essersi recata lì quella mattina e soprattutto ha sempre ribadito di conoscere pochissimo quella zona. Solo gli esami a questo punto potranno dire la verità. Stessa cosa per quanto riguarda la causa della morte del piccolo, dato che l'ipotesi del soffocamento pare non essere più così certa.



Durante l'ultima puntata di Quarto Grado sono infatti state esaminate alcune perizie mediche dalle quali emergerebbe che Loris è morto per un forte trauma cranico. La cosa avrebbe del clamoroso perché potrebbe aprire la strada all'idea che il piccolo sia deceduto in seguito all'atto di occultamento del corpo. Ricapitolando: al momento in cui è stato 'scaricato' il bambino era vivo ma l'impatto col suolo gli avrebbe provocato un trauma che non curato lo avrebbe condotto al decesso. A questo punto una domanda sorge spontanea: dov'è morto Loris? Nell'appartamento di casa o vicino al Vecchio Mulino dove poi è stato ritrovato? Non ci sono certezze al riguardo, l'impressione è che buona parte del mistero che si cela dietro il vero responsabile del delitto possa essere svelato dalla ricostruzione della dinamica della morte. Seguiremo tutti gli sviluppi, se desiderate rimanere aggiornati vi invitiamo a cliccare il tasto 'Segui' in alto a destra a fianco al nome dell'autore.