Giungono importanti indiscrezioni per quanto riguarda il delitto di Pordenone, avvenuto lo scorso 17 marzo (nel quale persero la vita due fidanzati, Trifone Ragone e Teresa Costanza) e il caso di Guerrina Piscaglia, la casalinga di Cà Raffaello della quale si sono perse le tracce dallo scorso 1 maggio. Ecco tutti i dettagli delle ultime news. 

Ultime notizie delitto di Pordenone, lo staff della Bruzzone incaricato di indagare sul caso

La svolta sul delitto di Pordenone potrebbe arrivare dal lavoro della nota criminologa Roberta Bruzzone e del suo staff, che è stato incaricato di indagare sul caso di Teresa Costanza e Trifone Ragone, uccisi in circostanze ancora misteriose lo scorso 17 marzo.

La notizia è stata riportata dal sito "Urbanpost", che si sta occupando da tempo dell'omicidio avvenuto nei pressi del Palazzetto dello Sport "Crisafulli" di Pordenone. Secondo la Bruzzone sarebbero solo due le ipotesi più probabili: quella lavorativa (Trifone potrebbe avere avuto delle cattive frequentazioni in caserma) e quella sportiva, dato che Ragone si allenava spesso in palestra, dove potrebbe essersi imbattuto in persone poco raccomandabili. 

Ultime Guerrina Piscaglia, Padre Gratien pronto a parlare: è svolta?

Secondo quanto emerso nell'ultima puntata di "Segreti e delitti", potrebbe essere molto vicina la svolta per quanto riguarda il caso di Guerrina Piscaglia. L'avvocato di Padre Gratien Alabi, Francesco Zacheo, infatti, ha rivelato che il suo assistito vorrebbe collaborare con gli inquirenti dal momento che avrebbe nuovi e importanti particolari da rivelare.

I migliori video del giorno

Il prete africano sarà interrogato il 28 luglio, data in cui potrebbe finalmente emergere la verità sulla triste vicenda della casalinga cinquantenne di Cà Raffaello. Durante la diretta, è stata diffusa la missiva redatta in francese da Padre Gratien Alabi, nella quale il religioso si dichiara completamente innocente, preannunciando una svolta improvvisa. Secondo la Procura di Arezzo, però, Padre Gratien sarebbe colpevole, dal momento che cinque testimoni avrebbero visto Guerrina Piscaglia camminare nella Marecchiese l'1 maggio dell'anno scorso, ovvero il giorno in cui scomparve.