2

Una strana e misteriosa creatura è stata trovata arenata sulle rive del lago Hollingworth in Rochdale, Greater Manchester, il 3 agosto. Secondo alcuni, potrebbe trattarsi di una un'antica specie marina sconosciuta. Adele Battersby, di 45 anni, stava camminando nei pressi del lago con sua figlia Maiya, quando fece la incredibile scoperta. La testimone, residente della zona, racconta: 'Non avevo idea che una creatura di queste dimensioni potesse vivere nel lago. Non è stata una bella esperienza per mia figlia Maiya di soli sette anni. In un primo momento pensai che potesse trattarsi di un grande pitone o forse di un cucciolo di coccodrillo. Avevo letto su facebook che per i morsi non c'è nulla di cui preoccuparsi, però i denti di questa creatura erano terrificanti.

Era come qualcosa di preistorico.'

Le numerose testimonianze

Altri testimoni, che hanno visto la creatura sulla riva del lago, stimano che possa raggiungere circa 1.5 metri di lunghezza. I denti erano ancora completamente intatti e nella sua bocca sarebbe potuto tranquillamente entrare il pugno di una mano. Le foto, pubblicate da varie fonti, hanno scatenato acceso dibattito su cosa potrebbe essere questo misterioso essere. Alcuni, sostengono che possa trattarsi di un antico mostro preistorico, altri invece, che si tratti di un comune pesce luccio, però nessuno fino a questo momento, è stato in grado di dare una soddisfacente spiegazione. 'Si vedeva come un antico mostro preistorico, e man mano che ci avvicinavamo, sentivo una strana sensazione allo stomaco, era veramente enorme', racconta un altro testimone, Danny .

I migliori video del giorno

L'accaduto ha lasciato di stucco anche Jonny Beckett, di 32 anni, che stava passeggiando con la sua fidanzata Suzanne, quando vide la strana carcassa, pensando anche lui, di essere di fronte a un grande mostro marino preistorico.

Questo non è certo un caso isolato. Infatti, appena un mese fa, fu incontrato un altro strano animale in Russia. Mostri marini? Specie sconosciute? Come dicono molti scienziati, si conosce di più lo spazio che le profondità marine. L'importante è non cadere nel tremendo errore, di credere di conoscere tutto.