Emergono importanti notizie per quanto riguarda il caso di Andrea Loris Stival, il bimbo di Santa Croce Camerina ritrovato morto in un canale di scolo lo scorso 29 novembre. Ha fatto naturalmente molto scalpore la confessione della madre Veronica Panarello, che ha rivelato: "Loris è morto mentre giocava con le fascette di plastica, la sua morte è stata assolutamente accidentale; poi l'ho portato nella zona del Vecchio Mulino, dal momento che nessuno mi credeva". Nelle ultime ore la donna ha fatto altre agghiaccianti rivelazioni su quanto sarebbe accaduto quel fatidico 29 novembre 2014, il giorno della morte di suo figlio. Ecco la sua agghiacciante ricostruzione degli ultimi istanti di vita di Loris. 

Sconvolgenti rivelazioni di Veronica Panarello

Veronica Panarello ha raccontato ai magistrati il modo in cui sarebbe morto suo figlio: "L'ho trovato in piedi, le sue mani erano appoggiate sul petto, la sua schiena era rivolta in avanti; ho visto che non respirava, credevo che avesse mangiato qualcosa che non era riuscito a digerire.

Ho provato a dargli dei colpi sulla schiena e a infilargli un dito in bocca, ma non riuscivo ad aprirgliela; la sua faccia stava diventando sempre più viola, poi si è accasciato. Ho notato che aveva delle fascette al collo e ai polsi; ho provato poi disperatamente a togliergli quegli oggetti, ma non ci sono riuscita: li ho dunque tagliati con delle forbici. Sentivo che non respirava più e ho pensato di chiamare qualcuno, ma poi ho ritenuto che non sarei stata in grado di spiegare quello che era successo". La Panarello ha poi affermato di avere messo il cadavere del figlio nella sua auto e di averlo nascosto nella zona del Mulino Vecchio, nei pressi del canale di scolo dove è stato ritrovato. La ventisettenne ha terminato il suo racconto, affermando di essere tornata a casa, di avere recuperato i vestiti e lo zainetto di Loris e di essersi recata al corso di cucina che si teneva a Donnafugata.

I migliori video del giorno

"Ho preso coscienza dei fatti da circa quattro mesi, prima pensavo fosse un brutto sogno; ho dunque deciso di liberarmi di questo peso".