Emergono notizie molto importanti sul caso di Trifone Ragone e Teresa Costanza, i due fidanzati di Pordenone assassinati lo scorso 17 marzo nei pressi del Palazzetto dello Sport "Crisafulli". Sono numerosi i sospetti degli inquirenti sull'unico indagato Ruotolo: nelle ultime ore, infatti, gli investigatori sono venuti a conoscenza di una foto di Trifone sul suo cellulare. La cosa pare molto strana, dato che l'indagato ha dichiarato di avere avuto solo dei rapporti di cordialità e non di amicizia con Ragone. Ma la chiave del caso potrebbe celarsi dietro la misteriosa figura di una soldatessa conosciuta sia da Ruotolo che da Trifone. Ecco tutti i dettagli delle ultime indiscrezioni su questo complesso caso, riportati dalla trasmissione "Quarto Grado", che si sta occupando di questa triste vicenda. 

Flirt tra Ruotolo e una soldatessa?

Sembra che sia molto vicina la soluzione del caso su Trifone Ragone e Teresa Costanza, i due fidanzati di Pordenone uccisi più di sette mesi fa.

Ogni giorno trapelano elementi che potrebbero condurre alla svolta: le ultime indiscrezioni riguardano un'affascinante soldatessa di ventidue anni che lavorava nella stessa caserma di Ragone e Ruotolo. La ragazza sarebbe stata amica di entrambi i colleghi; secondo gli inquirenti, l'indagato avrebbe avuto un flirt con tale soldatessa. Nella chiave di lettura degli investigatori, tale fatto spiegherebbe un presunto antagonismo di Ruotolo nei confronti di Trifone Ragone, considerato un "vincente" in ogni aspetto della vita. Naturalmente, si tratta solo di una ipotesi, assolutamente non confermata per via ufficiale. In ogni caso, gli inquirenti dovrebbero interrogare nuovamente la soldatessa; l'ipotesi, comunque, appare plausibile, dato che Ruotolo sarebbe stato in crisi con la sua ragazza, come emerso nell'ultima puntata di "Quarto Grado".

I migliori video del giorno

Nell'ultima puntata della trasmissione, infatti, il conduttore Gianluigi Nuzzi ha posto l'attenzione sulla presunta gelosia ossessiva della fidanzata di Ruotolo, il quale avrebbe annotato tutti i suoi timori in un foglio ora in mano agli investigatori.