Emergono indiscrezioni molto importanti per quanto riguarda due casi della Cronaca Nera italiana, quello di Guerrina Piscaglia e quello di Mario Bozzoli. La prima udienza del processo a Padre Gratien ci sarà il 18 aprile e a testimoniare ci sarà anche un vigile urbano. Novità anche per quanto riguarda il giallo di Marcheno: un operaio ha, infatti, rivelato chi guidava la Punto Bianca che stanno cercando gli inquirenti. 

La testimonianza del vigile

Le ultime indiscrezioni sul caso di Guerrina Piscaglia provengono dall'ultima puntata de "La vita in diretta". Un vigile urbano di Cà Raffaello ha infatti rivelato agli inquirenti di avere visto in macchina un uomo di colore e una donna dalla carnagione chiara.

Il testimone, però, non ha aggiunto altri dettagli e ha detto di non essere sicuro che si trattasse di Padre Gratien Alabi e di Guerrina Piscaglia. L'uomo lavora in Romagna e ha rivelato di essersi trovato nell'Aretino per fare un pic nic insieme ai parenti e agli amici. Il testimone ha assicurato che racconterà anche in sede di processo ciò che vide il giorno della scomparsa della casalinga di Cà Raffaello. 

Mario Bozzoli, spuntano importanti novità

Ci sono novità anche sul caso di Mario Bozzoli; durante l'ultima puntata di "Pomeriggio Cinque" si è infatti parlato della Punto Bianca che si trovava fuori dalla fonderia dell'imprenditore scomparso. A fare chiarezza su questo dettaglio ci ha pensato un amico di Giuseppe Ghirardini, che ha rivelato: "L'automobile viene usata ogni giorno da un commercialista per venire alla fonderia di Mario Bozzoli.

I migliori video del giorno

La conduttrice Barbara D'Urso ha poi fatto parlare sorelle di Beppe Ghirardini, le quali, ancora una volta, hanno escluso qualunque ipotesi di suicidio: "Non c'era alcun motivo per il quale Giuseppe avrebbe pensato di togliersi la vita. Aspettava il rientro del figlio dal Brasile ed era davvero molto felice. Inoltre, aveva dei rapporti molto buoni con Mario Bozzoli, non litigavano quasi mai, anzi erano veri amici", hanno puntualizzato le sorelle dell'operaio trovato morto lo scorso 18 ottobre.