Secondo quanto riporta il sto web "Fan Page.it", stamattina un banchetto del movimento di estrema destra "Casa Pound" è stato attaccato nel quartiere "Torpignattara". Alle 11.30 di sabato 14 maggio una ventina di persone (50 secondo Casa Pound) a volto coperto e armate di bastoni hanno attaccato il banchetto elettorale di Casa Pound, provocando il ferimento di quattro poliziotti e di tre militanti di Casa Pound, tra cui un candidato, un disabile e una ragazza.

La riposta dei vertici di Casa Pound

La riposta dei vertici di Casa Pound non si è fatta attendere e il candidato sindaco del movimento Simone Di Stefano ha sostenuto che la risposta "a questo clima di intolleranza voluto dai soliti noti sarà una campagna elettorale ancora più capillare e decisa". Inoltre, in un video pubblicato dalla testata web legata al movimento "il Primato Nazionale", lo stesso Di Stefano ha minacciato ritorsioni sostenendo che "Ora, se chiamo 100-150 ragazzi e vado centro al centro sociale e lo mettiamo a ferro e fuoco secondo voi qualcuno può darci torto?". Il riferimento è al vicino centro sociale occupato "Ex Snia Viscosa", da cui sembra che provengano i militanti che hanno assaltato il banchetto elettorale.

Pubblicità

La violenza politica che attanaglia e blocca l'Italia

C'è da dire che questo episodio è solo l'ultimo dei tanti atti di violenza politica che attanagliano e bloccano l'Italia.

Purtroppo, la violenza politica degli estremisti di sinistra così come di quelli di destra rappresenta ancora una seria emergenza per questo paese, il quale ha alle spalle il sanguinoso periodo degli "anni di piombo", un triste periodo della storia recente italiana dove giovani (e non) militanti accecati dal fondamentalismo ideologico spesso e volentieri si lasciavano andare ad atti di insensata violenza(compresi omicidi) contro altri giovani (e non) colpevoli, di volta in volta, di essere "fascisti" e/o "comunisti".

C'è anche da dire che purtroppo tali fatti vengono strumentalizzati da entrambe le parti così come dalla sinistra e della destra governativa, mentre si dovrebbero condannare tutti gli atti violenti di matrice politica/ideologica che continuano a bloccare e rendere "incivile" ancora una buona parte dell'Italia.