Annuncio
Annuncio

Per anni e anni Osama Bin Laden è stato considerato il pericolo "number One" degli Stati Uniti D'America così come dell'intero Occidente, e la sua "Al Qaeda" si è macchiata di diversi attacchi terroristici all'interno dei paesi occidentali e in tutto il mondo.

Da quando Bin Laden è stato eliminato in modo controverso dalle forze speciali statunitensi in Pakistan, ufficialmente l'Occidente si è sentito liberato dalla minaccia dell'islamismo radicale, ma in realtà tale "illusoria sensazione" è durata molto poco visto che Al Qaeda non è stata totalmente sconfitta e da diverso tempo la minaccia terroristica è rappresenta dall'ISIS, una formazione islamista ancora più radicale della stessa "Al Qaeda".

Il fatto è che per sconfiggere il terrorismo islamista e/o internazionale non bastano e non servono droni e/o discutibili uccisioni di leader fondamentalisti (com'era lo stesso Bin Laden), ma è necessaria prima di tutto una "guerra ideologica", che vada a colpire gli stessi fondamenti ideali su cui si fonda l'islamismo radicale e le cause che permettono la sua avanzata e il suo consenso.

Advertisement

La minaccia del figlio di Bin Laden 

Secondo quanto riportato dalla testata web "Difesa Online", cinque anni dopo l'esecuzione del padre, il figlio di Bin Laden ha registrato e rilasciato un messaggio audio in cui invoca la "jihad globale" contro l'Occidente.

Il 23nne Hamza Bin Laden ha esortato i militanti islamisti radicali ad unirsi nella guerra "santa", dichiarando che "Tutti i jihadisti in Siria dovrebbero unirsi e lottare per liberare la Palestina", e "Non c'è più alcuna scusa valida per coloro che insistono sulla divisione e le controversie, il mondo intero si è mobilitato contro i musulmani".

L'interpretazione estremista dell'Islam che unisce Al Qaeda e l'ISIS

Nonostante siano in pessimi rapporti tra di loro almeno dal 2013, ciò che unisce Al Qaeda e l'ISIS (che è nata da una "costola" della stessa Al Qaeda) è l'interpretazione estremista dell'Islam sunnita.

Advertisement
I migliori video del giorno

Difatti, entrambe vedono come nemico principale la civiltà occidentale e/o europea, così come gli altri paesi "infedeli" e gli stessi islamici che non condividono la loro interpretazione estremista dell'Islam, sopratutto i sufisti e gli "eretici" sciiti.