Cronaca Milano- Una donna di 63 anni del milanese, Gianna Del Gaudio, è stata uccisa nella sua villetta di Montecampione a Seriate, nel bergamasco. Ad uccidere la donna è stata una coltellata al collo, sul caso stanno indagando i Carabinieri della locale stazione. A chiamare le Forze dell’Ordine è stato il compagno della donna, intorno all’una di notte, il quale ha raccontato di aver visto un uomo incappucciato fuggire via dall’abitazione e di aver trovato poi Anna morta in cucina con una grossa ferita al collo. Secondo il compagno della donna, dunque, il movente dell’omicidio sarebbe da ricercare in un tentativo di rapina finito male, ma questa versione non convincerebbe del tutto i militari che, al momento, non tralasciano alcuna ipotesi.

In queste ore sotto torchio sono finiti il marito e i figli della 63enne deceduta, le forze dell’ordine voglio vederci chiaro, vogliono conoscere gli alibi e scoprire possibili moventi. La scientifica intanto prosegue i rilievi all’interno dell’abitazione, stando alle prime informazioni non sembrerebbero essere emersi tentativi di scasso su porte e finestre. Si cerca anche l’arma del delitto il cui ritrovamento potrebbe rappresentare la chiave di volta per le indagini che al momento proseguono senza sosta non tralasciando nessuna pista.

Sotto torchio il marito, si scava nella vita dei coniugi alla ricerca di indizi utili a risolvere il caso.

I Carabinieri si sarebbero concentrati in queste ore sul marito di Anna Del Gaudio, trasportato presso la caserma di Bergamo per un lungo interrogatorio. A quanto pare i militari credono di più alla ipotesi del femminicidio, dell’omicidio avvenuto dentro le mura domestiche magari a seguito di una violenta lite.

Per confermare questa ipotesi sarà necessario il contributo dei vicini di casa che potrebbero fornire testimonianze importanti, si scava nelle vita dei coniugi alla ricerca di qualche elemento che possa fornire indizi agli investigatori. I militari cercando di far crollare il marito che potrebbe fornire dichiarazioni importanti per il caso.

Segui la nostra pagina Facebook!