Sparatoria con un tragico epilogo a Columbus, in Ohio (Usa). Un 13enne è stato ucciso da un poliziotto con un colpo di pistola. Il minorenne era insieme a un coetaneo e, quando ha visto gli agenti, ha estratto la sua pistola ad aria compressa, molto simile a quelle che usa la Polizia americana.

Il poliziotto aveva cercato di rasserenare il 13enne afroamericano

Le autorità di Columbus, mediante un comunicato diffuso giovedì scorso, hanno dichiarato che un poliziotto ha fatto fuoco durante una rapina a mano armata. Il 13enne ha estratto una pistola e l'agente è stato costretto a premere il grilletto. Il ragazzino era insieme a un complice.

Quest'ultimo è stato dapprima fermato e poi rilasciato. Il conflitto a fuoco è avvenuto mercoledì scorso, 14 settembre 2016, in serata. Quando l'agente si è trovato davanti a Tyree King (13enne che poco prima aveva tentato di rapinare una banca) ha cercato di parlargli, di rasserenarlo. Il minorenne, però, ha brandito una pistola ad aria compressa e il poliziotto gli ha sparato diversi colpi. Non è rimasto ferito nessun agente, né il complice della vittima.

L'agente che ha ucciso il 13enne Tyree King si chiama Brian Mason ed ha molta esperienza. Il sindaco di Columbus, Andrew Ginther, ha affermato che le indagini per ricostruire la dinamica della vicenda sono appena iniziate. Il primo cittadino non è riesce ancora a capire perché quel ragazzino possedeva un'arma del genere. La foto della pistola, una 'replica' della BB, è stata mostrata giovedì scorso dal capo della Polizia Kim Jacobs, durante una conferenza stampa.

I migliori video del giorno

Brian Mason sospeso dal servizio

Jacobs ha sottolineato che la pistola del giovane afroamericano "sembra un'arma da fuoco che può ucciderti". L'agente Mason è stato messo in congedo amministrativo in attesa che si faccia luce sulla vicenda. Non sarà facile ricostruire la dinamica dell'episodio perché nell'area della sparatoria non vi sono telecamere di sorveglianza; inoltre nessuno ha ripreso la scena con smartphone o telecamere.

Il sindaco di Columbus ha affermato che c'è qualcosa che non va nella città che amministra. La violenza e l'ossessione per le armi hanno fatto un'altra giovane vittima negli Usa.