Il terremoto che ha fatto tremare il Centro Italia nella sera del 26 ottobre ha visto molti edifici crollare, ma la notizia che nessuno sperava di apprendere è arrivatanella notte: un uomo di 73 anni è morto nel comune di Tolentino per infarto, provocato dallo choc del Terremoto. Il paese che conta 20 069 abitanti si trova in provincia di Macerata, nelle marche, una delle località dove le scosse sono state avvertite maggiormente.

L'attacco cardiaco è una delle principali cause di morte in occasione di scosse intense come quelle registrate nella sera di ieri: tre scosse in totale, la prima di magnitudo 5.4, la seconda di 5.9 e la terza di 4,6, seguite da altri movimenti sismici più lievi.Nello stesso comune è rimasto ferito un operaio a causa del crollo di un controsoffitto, riportando lacerazioni e contusioni alla testa e a una spalla.

Stefano di Iulio, Comandante provinciale dei Carabinieri di Macerata, dichiara che al momento non si registranovittime per conseguenza di crolli. Alle 00.54 è giunta notizia che "Il servizio salute della Regione ha predisposto evacuazioni da ospedali di Tolentino, Matelica e Cingoli ricollocando i pazienti in altre strutture della regione", come affermato dal presidente della Regione Luca Ceriscioli su Facebook.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Terremoto

Marco Rinaldi, sindaco di Ussita, ha parlato nelle ultime ore di "situazione apocalittica" e le immagini ricevute dal paese deturpato dalle numerose crepe e dai crolli parziali, anche se in questa località non si registrano feriti o vittime. Il sindaco di Visso Giuliano Pazzaglinisi dichiara preoccupato, affermando che "due terzi della popolazione potrebbe avere la casa inagibile. Il che significa che circa 800 persone avranno bisogno di un posto letto".

Nel frattempo sui vari social media scorrono immagini delle località colpite e vengono diffusi i contatti della Protezione Civile:il numero verde della Protezione Civile è 800 840 840, mentre quello da comporre per la sala operativa della Protezione Civile del Lazio è803 555. Anche Facebook ha attivato il "Safety Check", strumento rapido e utile per comunicare rapidamente ad amici e parenti il proprio stato in caso di situazioni di emergenza.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto