Tre forti scosse di Terremoto, nel giro di poche ore, hanno colpito e terrificato il Centro Italia, che era stato recentemente messo in ginocchio dall'emergenza sisma. L'epicentro del nuovo sisma si è registrato nella Valnerina, nelle Marche.  Le scosse sono state avvertite da tutto il Centro Italia, inclusa Roma.

Il Centro Italia continua a tremare

L'epicentro del nuovo sciame sismico si è registrato nella Valnerina, nella regione Marche del Centro Italia. Le scosse più forti, avvertite in data 26 ottobre 2016, sono avvenute alle 19:10 di magnitudo 5.4, e di magnitudo 5.9 alle ore 21:18; quest'ultima scossa è stata più intensa e duratura.

La terza scossa, avvertita alle ore 23:42, è stata di magnitudo 4.6, secondo gli ultimi dati riportati dall'Istituto Nazionale di Geofisica. Il nuovo sciame sismico è stato percepito da tutto il Centro Italia, inclusa la città di Roma

Un uomo di 73 anni è morto, a Tolentino (in provincia di Macerata, nelle Marche), in seguito ad un infarto provocatogli dallo spavento per il terremoto. Al momento, stando a quanto è stato reso noto dal Comandante Provinciale dei Carabinieri di Macerata, Stefano Di Iulio, non vi sarebbero vittime ma solo feriti.

I migliori video del giorno

Su Facebook, il Presidente della Regione, Luca Ceriscioli, ha dichiarato: ''Al momento, si registrano crolli.'' Su Twitter, il PM Matteo Renzi ha dichiarato: ''Voglio ringraziare chi sta lavorando sotto l'acqua, nelle aree del terremoto. Tutta l'Italia abbraccia forte le popolazioni colpite ancora.''

''Sono crollate molte case. Il nostro paese è finito.'' Queste ultime sono state le parole pronunciate dal Sindaco di Ussita, Giuliano Rinaldi, ai microfoni di 'SkyTG24', in relazione alla nuova scossa più forte di terremoto. 

Diverse ore fa, su Twitter, il profilo ufficiale della Croce Rossa Italiana ha postato i consigli utili da seguire in caso di terremoto. 

Protesta a Pescara: i tifosi chiedono lo stop della partita

Alla notizia del nuovo sciame sismico, sono arrivate le contestazioni dei tifosi della curva Nord dello Stadio Adriatico, che durante il secondo tempo della partita di Serie A, Pescara-Atalanta, hanno abbandonato per protesta l'area di gioco, contro la decisione di proseguire la gara nonostante la notizia del nuovo sciame sismico del Centro Italia.