Quattro mortia Dreamworld, il parco divertimenti più grande in Australia, martedì 25 ottobre. A confermarlo è la stessa direzione del parco che ha rilasciato un comunicato per dare l'annuncio. Due uomini e due donne sono rimasti uccisi sull'attrazione Thunder River Rapids ride a Dreamworld, sulla Golden Coast australiana a causa di un malfunzionamento dell'attrazione. Altre due persone sono rimaste intrappolate ma non hanno perso la vita.

L'ispettore di polizia incaricato delle indagini,Tod Reid, ha dichiarato che tra le vittime ci sono un uomo di 42 anni ed uno di 35, una donna di 38 anni ed una di 32 anni. La notizia del decesso è stata confermata anche dai paramedici accorsi sul posto dichiarando che le cause del decesso sono dovute a ferite molto gravi.

Dalle prime investigazioni si è assunto che l'acqua abbia spinto una delle zattere contro un'altra e che dunque, le vittime siano state sbalzate fuori dalla spinta del getto.

A dare anche una possibile conferma a questa ipotesi, Gavin Fuller - supervisore senior per le operazioni per il servizio di primo soccorso del Queensland - ha spiegato come si sarebbe svolto l'incidente, confermando la versione delle investigazioni.

Il capo dello staff di Dreamworld, Craig Davidson, ha riportato che l'incidente deve essere avvenuto intorno alle 14:20 ora locale. L'uomo ha anche dichiarato che il parco divertimenti rimarrà chiuso nei prossimi giorni per permettere alla polizia e a tutte le autorità coinvolte di lavorare al meglio.

Davidson ha anche espresso dolore e rammarico per le famiglie coinvolte a nome di tutto il parco divertimenti. Per Dreamworld questa è la prima tragedia. Il Thunder River Rapids ride è un'attrazione attiva sin dal 1986 e non aveva mai avuto precedenti pericolosi per i visitatori del parco. Il parco divertimenti australiano e il suo staff rilasceranno presto una conferenza stampa per spiegare meglio l'accaduto.

Si aspettano dunque, maggiori informazioni e indagini più approfondite da parte della polizia che potranno così chiarire le dinamiche di questa tragedia.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto