Le teorie sul Pianeta Rosso si sono espanse a macchia d’olio da quanto il rover Curiosity ha iniziato a mandare sulla Terra le prime immagini della sua superficie. La NASA, a parte la recente scoperta di acqua, ha sempre negato che su Marte fossero presenti forme di vita. I teorici della cospirazione non hanno mai creduto alla versione ufficiale dell'agenzia spaziale statunitense, spulciando quotidianamente le foto inviate dal rover e individuando spesso presunti manufatti di origine artificiale. Cospirazioni a parte, le prove della vita su Marte potrebbero già essere state trovate nel 2007, solo che gli scienziati non hanno saputo interpretarle.

Il rover Spirit individuò delle strutture rocciose molto simili ad alcune presenti sulla Terra, nella zona di El Tatio, Cile, che si formano grazie alla presenza di acqua e soprattutto di microrganismi.

Microrganismi alieni responsabili di rocce e metano

Queste formazioni rocciose, prendono il nome di stromatoliti, e si formano quando i microrganismi creano colonie in ambienti umidi, intrappolando i sedimenti sulla superficie adesiva. l sedimenti reagiscono al carbonato di calcio e acqua, formando un accumulo di strati calcarei. I ricercatori hanno scelto la sede di El Tatio per le sue condizioni molto simili a Marte. “I risultati mostrano che i depositi di silice su El Tatio sono simili a quelli presenti su Marte. Dato che i microbi svolgono il lavoro principale su questo territorio, crediamo che la stessa cosa avvenga sul Pianeta Rosso”, ha commentato il dottor Steve Raff della Earth and Space Exploration School in Arizona.

I migliori video del giorno

Ma non è tutto. Nel dicembre del 2014 furono scoperte sul Pianeta Rosso delle sorgenti di metano. Sul nostro pianeta, circa il 90% di questo gas è prodotto dai microrganismi.

Purtroppo i due rover presenti su Marte (Curiosity e Opportunity), sono troppo lontani dalle zone interessate per tornare a fare un “sopralluogo” e il prossimo sarà lanciato solo nel 2020. Non ci resta che attendere quindi la prossima missione per avere conferma della vita aliena sul Pianeta Rosso.