La giovane misteriosa avvistata per Roma qualche giorno fa, non è dunque Madeleine McCann, la bambina inglese scomparsa nel 2007 dal Portogallo, bensì Embla Jauhojarvi (21 anni). La ragazza, di origini svedesi, è scappata da casa e non ha alcuna intenzione di rivedere i genitori. La conferma è arrivata dalla Questura. Le indagini erano scattate immediatamente per dare un nome alla giovane vagabonda che si aggirava per le strade della Capitale; a riconoscerla, lo stesso padre, il signor Tahvo Jauhojarvi (54). L'uomo ha riconosciuto la figlia grazie alle foto pubblicate dalle riviste online.

Caso Embla: il ritrovamento

Tahvo era distrutto per la scomparsa di Embla, tanto da scrivere su Facebook che è difficile quando la propria figlia scompare, così come per l'uomo è stato difficile vedere la sua bambina nei panni di senzatetto per le strade di Roma.

In seguito, Tahvo si è messo in contatto con le Forze dell'Ordine nostrane, arrivando, fortunatamente, alla risoluzione del caso. L'uomo ha dichiarato di aver perso le tracce di Embla circa sei mesi fa, quando quest'ultima era arrivata in Italia, per imparare la nostra lingua. Da allora, parenti e amici della giovane non hanno avuto più alcun contatto con lei. Ora Embla è stata ritrovata; ad ogni modo, essendo maggiorenne, la 21enne è libera di decidere se tornare o meno a casa. La ragazza svedese soffre della sindrome di Asperger, molto simile all'autismo. Questo disturbo, causa alla 21enne serie difficoltà di interazione sociale.

Embla: ecco chi ha riconosciuto la 21enne svedese

Nell'ultima puntata del noto programma mediaset Pomeriggio 5, Barbara D'Urso si è occupata del caso di Embla, la giovane svedese che si aggirava come una senzatetto per le strade di Roma.

I migliori video del giorno

A permettere di riconoscere la giovane, è stata una ragazza, Lorena. Quest'ultima ha dichiarato alle telecamere di Pomeriggio 5: "Io stavo andando al lavoro ... E lei si è fermata parlando con i motorini ... Il giorno dopo ho provato a farle una foto ... Ma lei ha capito che le stavo scattando una foto ed ha abbassato la testa, cominciando a correre. Ho scattato la foto e l'ho postata sul Missing American People. Mi scrivono che questa poteva essere Madeleine McCann, ma non pensavo fosse lei, perchè era molto più grande". Per aggiornamenti su altri casi di cronaca, cliccate Segui.