"Lei era dolce e buona, era sempre sorridente e vedevo che voleva molto bene ai suoi figli": queste le parole pronunciate oggi a Pomeriggio 5 da Cinzia, un'amica e vicina di casa di Roberta Ragusa, la donna toscana scomparsa misteriosamente tra il 13 e il 14 gennaio del 2012 dalla sua casa di Gello di San Giuliano Terme, piccolo centro in provincia di Pisa. "Ho iniziato a conoscere Roberta - ha raccontato l'amica ai microfoni di Pomeriggio 5 - perché era la mia vicina di casa. Mia figlia - ha ricordato - prendeva il pullman proprio sotto casa sua".

Caso Roberta Ragusa, il prossimo 2 dicembre nuova udienza

La donna ricorda i momenti trascorsi insieme a Roberta Ragusa prima della scomparsa. "Trovavamo sempre il tempo - ha ricordato Cinzia - di parlarci ogni giorno. Non ho mai avuto la sensazione - ha proseguito - che potesse avere problemi con suo marito. Spero esca presto la verità su Roberta: non avrebbe mai - ha sottolineato la donna - abbandonato i suoi figli".

Questa la testimonianza di un'amica in ricordo di Roberta Ragusa oggi a Pomeriggio 5, dove ieri invece è stata intervistata Anita, una delle testimoni chiave nel processo, che si celebra col rito abbreviato, contro Antonio Logli accusato di aver ucciso la moglie e di averne distrutto il cadavere. "Quella notte - ha raccontato Anita riferendosi alla notte della misteriosa scomparsa di Roberta Ragusa - vidi Antonio Logli in via Gigli e sono sicura fosse già passata la mezzanotte".

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Imputato il marito Antonio Logli, la sentenza prima di Natale

"Lui - ha aggiunto - si trovava all'interno della sua auto, poi - ha proseguito Anita - ricordo di aver sentito le urla di una donna". La prossima udienza è fissata per il prossimo 2 dicembre per la discussione del fascicolo e, se il Gup Elsa Iadaresta lo riterrà opportuno, per l'acquisizione di nuovi mezzi di prova. La sentenza è prevista invece per il 21 dicembre: Antonio Logli, già prosciolto una prima volta dall'imputazione del delitto e della distruzione del cadavere della moglie (proscioglimento annullato dalla Cassazione) conoscerà il suo destino.

I capi d'imputazione nei suoi confronti sono quelle di omicidio volontario e distruzione di cadavere della moglie. Intanto, in vista della prossima udienza fra tre giorni, inquietanti intercettazioni tra Antonio Logli e il suo collaboratore mentre svolgono una verifica empirica acquisite agli atti del processo sono state diffuse da Quarto Grado.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto