Grande novità per la Germania che dal 2017 introdurrà il pedaggio sulle sue autostrade. Dovranno pagare proprio tutti, residenti, frontalieri e turisti in base alla classe di inquinamento della vettura. L'importo del pedaggio sarà differente in base alla classe di inquinamento dell'automobile e in base a quanti giorni si vuole usufruire del servizio autostradale. Il provvedimento è stato attuato nei giorni scorsi, dopo una rivolta dei cittadini residenti, che non volevano assolutamente pagare l'autostrada. Le persone che non pagheranno il pedaggio saranno quelle che guideranno un veicolo elettrico o un mezzo a due ruote e tutti i disabili.

Tariffe più basse per i residenti

Inizialmente il progetto prevedeva la messa in atto delle tariffe nell'anno 2016, ma a causa le innumerevoli polemiche dei residenti, il tutto è stato posticipato.

Il provvedimento entrerà in vigore effettivamente dall'autunno 2017 e per un cittadino tedesco, meno saranno le emissioni di inquinamento della sua auto, minore sarà il costo della tariffa. Secondo quanto scritto da Focus mediamente si potranno pagare 74€ fino ad un massimo di 130€; ci saranno anche delle detrazioni fiscali per i possessori delle auto Euro 6, un'agevolazione che costerà all'erario ben 100 milioni di euro, alleggerendo la spesa autostradale per alcuni residenti.

I costi per i turisti

I turisti che si recheranno in Germania, dovranno acquistare un tipo di vignetta autostradale differente e con un costo che andrà in base al periodo di permanenza con dei tagli da 2 e 50, 4, 8, 14 o 20 euro in base alle emissioni del motore e alla sua cilindrata. Fatto sta che, anche se la Germania ha introdotto il pedaggio sulle sue autostrade, ha comunque sia un costo sostenibile e basso tanto che, confrontandolo con quello italiano, quello che noi oggi paghiamo per percorrere pochi chilometri, i tedeschi lo pagheranno per percorrere le loro strade per almeno 10 giorni.

I migliori video del giorno

Pensiamo ad esempio a chi percorre l'autostrada italiana Torino-Milano, attualmente deve pagare la cifra di circa 30 euro.