La scorsa notte è stato ritrovato a Roma in Zona Tor Sapienza il corpo della studentessa di origine cinese Zhang Yao scomparsa lunedì 5 dicembre 2016, in un cespuglio vicino alla ferrovia adiacente al campo nomadi in Via Salvati.

Le dichiarazioni dell'amica

L'amica è stata interrogata dai pm proprio per confermare l'accaduto e dalle prime dichiarazioni sarebbe emerso che la giovane avrebbe sollecitato più volte l'amica nel lasciar perdere in quanto fortunatamente le avevano portato via solo la borsetta, priva di documenti e che non le avevano fatto del male, ma evidentemente le parole non sono servite a fermare la giovane studentessa.

Zhang Yao era arrivata lo scorso marzo per studiare in Italia

La giovane di appena 20 anni che si trovava nella capitale per studiare all'Accademia di Belle Arti, dalle prime ricostruzioni avrebbe inseguito dei malviventi che proprio nella giornata di lunedì le avevano rubato la borsetta. Li aveva inseguiti fino ai binari e senza accorgersene, in quanto al telefono con una amica, sarebbe stata investita dal treno che sopraggiungeva.

La polizia ha raccolto tutti i filmati delle telecamere della zona, ma la prima ipotesi e che Zhang Yao avrebbe proprio inseguito i ladri per riprendersi ciò che le era stato sottratto. Inoltre è stato recuperato anche un video da una telecamera posta sul tetto di un capannone industriale nella zona adiacente a Via Salvati, il cui orario coinciderebbe con quello della telefonata fatta da Zhang all'amica, in cui si vede la giovane che viene investita dal treno e appaiono poco prima anche tre ombre in movimento, riconducibili probabilmente ai malviventi.

I migliori video del giorno

Non sarà facile riconosce le tre ombre in quanto la qualità delle immagini è molto scarsa, ma si farà il possibile per far si che non sia stato invano l'inseguimento finito in tragedia della studentessa cinese. A confermare che il cadavere era proprio quello della ragazza sono stati i genitori, arrivati dalla Cina e che hanno dovuto riconoscere il corpo presso l'Istituto di medicina legale della Sapienza di Verano.