Un barbaro attentato terroristico scuote la tranquillità di piazza della Rambla a Barcellona, il tragico fatto di sangue è avvenuto nel pomeriggio di giovedi 17 agosto. Al momento, il bilancio sarebbe di 13 morti e oltre 100 feriti (almeno 15 lottano tra la vita e la morte negli ospedali), il fatto di sangue è stato rivendicato dall'Isis, che prosegue cosi la lunga scia di sangue aperta a Nizza.

Al momento sono in corso l'identificazione di vittime e feriti da parte delle autorità spagnole.

Morto un cittadino belga. Secondo fonti di stampa spagnola potrebbero esserci cittadini Italiani sia tra le vittime, che tra i feriti. La "Farnesina" al momento non conferma ufficialmente, ma crede assai probabile l'ipotesi per via dei numerosi turisti Italiani presenti nell'area.

La ricostruzione

Erano da poco passate le 17, quando un furgone Fiat a noleggio, proveniente da una strada che costeggia le Ramblas, non ha rispettato il semaforo rosso ed è salito sul marciapiede, colpendo la folla che in quel momento affollava numerosa la piazza, il bilancio è tragico tanti i corpi sbalzati dall'urto con il furgone a una velocità di 80 Km orari.

In pochi minuti polizia e mezzi di soccorso, sono giunti sul posto per soccorrere i feriti e mettere in sicurezza la gente che affollava la piazza.

La polizia avrebbe arrestato due persone come presunti responsabili della strage, l'attentato è stato rivendicato dall'Isis. Secondo i media spagnoli, uno dei responsabili sarebbe Moussa Oukabir, il fratello minore di Driss Oukabir (i cui documenti sono stati rinvenuti sul furgone), Moussa sarebbe arrivato in Spagna dal Marocco, nella giornata di domenica 13 agosto.

Tanti i messaggi di cordoglio giunti al popolo spagnolo, sono intervenuti per esprimere vicinanza tutti i leader mondiali come Trump, Merkel e Gentiloni.

I precedenti

L'attentato di Barcellona, fa tornare alla mente altre stragi rivendicate dei seguaci dello Stato Islamico, con le stesse modalità operative registrate di recente. Il terrore è stato aperto dalla strage di Nizza il 14 luglio del 2016, quando un camion è entrato a tutto velocità sul lungomare di Nizza, travolgendo la folla a zig zag, il bilancio della strage è stato di 87 morti.

A seguire il 19 dicembre 2016 l'attentato ai mercatini di Berlino, quando un camion guidato da Anis Amri ha travolto la folla che passeggiava tra le "bancarelle di Natale" provocando 12 vittime, il terrorista in fuga è stato ucciso, durante uno scontro a fuoco con la polizia. Nel 2017, l'Isis colpisce Londra, il 22 marzo, quando un furgone travolge la folla nella zona di Westminster provocando 5 vittime e poi lo scorso 3 giugno, provocando 8 morti.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto