Ancora tragedie nel Catanese, questa volta, dopo lo stupro della giovane di Misterbianco e la morte di un uomo colto da un infarto fulminante mentre era a letto con l'amante, arriva un omicidio.

Questa mattina, infatti, a Pedara, è stato rinvenuto il cadavere di un uomo di 71 anni, Domenico Citelli, pensionato ed ex dirigente della Regione Siciliana.

I dettagli

Da una prima ricostruzione effettuata dagli inquirenti, sembrerebbe che l'uomo, incensurato, sia stato ucciso da un colpo di fucile alla testa.

La stessa arma sembra proprio appartenesse al pensionato: si tratta di un fucile calibro 12 - marca Benelli - rinvenuto nella villa della vittima.

I dettagli di quanto accaduto sono ancora poco nitidi: sembrerebbe, infatti, che l'uomo sia stato ucciso nella villetta dove viveva insieme alla compagna, una donna rumena, e al figlio di quest'ultima, un giovane di 15 anni. Da lì sarebbe stato poi successivamente avvolto in un telo e legato per essere poi gettato all'interno di un tombino. E' proprio lì che il cadavere è stato ritrovato dai carabinieri di Acireale e dai Ris intervenuti tempestivamente sul luogo del delitto.

Fermati i due assassini

Per questo omicidio ci sarebbero già due fermi: uno di loro è proprio il figliastro dell'uomo che sarebbe stato aiutato da un compagno di 16 anni. Sembra che i due giovani siano stati già fermati e trasportati in caserma dove dovranno rispondere di omicidio aggravato premeditato in concorso e occultamento di cadavere. Non è ancora certo che i due assassini abbiano già confermato quanto fatto.

L'uomo viveva al confine tra i Comuni di Pedara e Nicolosi. Da alcune testimonianze sembrerebbe che il giovane di 15 anni e Citelli non andassero molto d'accordo e che litigassero spesso. Conseguenza e testimonianza di ciò, sarebbe il fatto che la donna e compagna del 71enne, fosse andata via di casa proprio perché ormai esausta delle continue liti tra il figlio e il compagno. Il giovane, però, nonostante la madre fosse andata via dall'abitazione, sarebbe rimasto a vivere con il padre adottivo.

Intanto, i militari del reparto Scientifico, che hanno già sequestrato l'arma, stanno effettuando - in queste ore - gli accertamenti opportuni per verificare se, effettivamente, quel fucile è lo stesso che avrebbe ucciso Domenico Citelli.

Nella zona, i vicini di casa dell'uomo, hanno le bocche cucite e nessuno vuole commentare quanto avvenuto stamani. Da quelle poche testimonianze, è emerso il carattere tranquillo e riservato del pensionato che, a quanto pare, raramente si fermava a scambiare qualche parola con il vicinato.

La Procura di Catania ha aperto un'inchiesta. Servirà ancora un po' di tempo per far luce su quell'omicidio che ha sconvolto un'intera comunità.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto