Il leader cinese Xi Jinping, già considerato il capo di Stato più potente dopo Mao Zedong, sembra aver ulteriormente cementato la sua presa sul potere dopo che Pechino ha svelato i piani per abolire il limite a due termini della presidenza. La notizia, annunciata dall'agenzia di stampa ufficiale cinese, Xinhua, anticipa quella che potrebbe essere una permanenza al potere nel prossimo decennio e forse anche oltre.

Il rapporto diceva che il comitato centrale, composto da 205 membri del Partito Comunista, aveva proposto di modificare la Costituzione della Cina in modo che non contenesse più una sezione che stabiliva che il presidente e il vicepresidente "non servono più di due [cinque anni] consecutivi". Jude Blanchette, esperta di politica cinese del gruppo di ricerca del Consiglio di amministrazione di New York, ha dichiarato: "È incredibile.

Non pensavo che fosse possibile".

"E 'un segnale inequivocabile che Xi Jinping ha progettato di rimanere nel 2023 - ha continuato Blanchette - Non penso che ci sia un altro modo per leggerlo, se non come la distruzione del progetto lungo quattro decenni di Deng Xiaoping, che inserì i limiti a lungo termine sul potere per far sì che non si ripetesse l'esperienza di Mao Zedong"

La crescente supremazia di Xi, 64 anni, che prese il potere alla fine del 2012, fu sottolineata in un secondo rapporto Xinhua che annunciava che un corpo di filosofia politica che portava il suo nome, Xi Jinping Thought, sarebbe stato scritto anche nella costituzione cinese.

La filosofia è stata aggiunta allo statuto del Partito Comunista lo scorso ottobre, una mossa ha consacrato Xi come leader più potente della Cina dopo Mao , che governò tra il 1949 e il 1976. Blanchette, inoltre, ha detto che è impossibile vedere la proposta del comitato centrale non collegata al parlamento cinese. "Penso che sia più probabile che io vinca una medaglia d'oro olimpica", ha aggiunto ironicamente l'esperta di politica.

"E 'ancora prematuro dire che Xi Jinping è diventato un imperatore di Sun God che resterà in vita, perché molto dipende da come sarà la Cina nel 2020 e nel 2021 - ha dichiarato - Ma penso che non escluda qualsiasi cosa catastrofica. Infatti, penso che sia una buona scommessa dire che Xi Jinping sarà la forza dominante nella politica cinese almeno per il prossimo decennio."

Joshua Wong, il leader pro-democratico di Hong Kong, ha detto che la notizia ha confermato l'inizio di "l'era dell'Imperatore Xi".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto