In tempi in cui vige il 'fai da te' in ogni ambito, non solo profano ma anche sacro, la Chiesa corre ai ripari. Non si può imparare a liberare le anime dal Maligno magari guardando un tutorial in cinque mosse. Non ci si improvvisa esorcisti. A fronte di un lavoro che nessuno vuole fare più, o al contrario crede di imparare da sé in tutta fretta guardando la cinematografia di genere a base di croci e teste rotanti, a Palermo si è aperto un corso di formazione ed aggiornamento della durata di quattro giorni riconosciuto dalla conferenza episcopale.

Tra i relatori e formatori, esperti di sette e satanismo. L'intento è di colmare una grave lacuna nel mondo ecclesiastico: mancano nuove leve disposte a curare indemoniati in una società sempre più disturbata, in cui le richieste di esorcismo sono in aumento. Un'opportunità di lavoro che richiede però un prerequisito: essere già sacerdote. I laici non sono ammessi.

Crisi delle vocazioni e 'licenza'

Il corso che si è aperto a Palermo è la risposta della Chiesa per sopperire alla mancanza di vocazioni in un ambito specialistico: gli esorcismi.

Non ci sono più giovani preti disposti ad apprendere la dottrina e la pratica di liberazione delle anime. E manca una specifica formazione accademica su angeli e demoni, bandita dopo il Concilio Vaticano II. A sottolinearlo è padre Cesare Truqui, allievo di padre Gabriele Amorth, morto nel 2016 a 91 anni. Per non studiare c'è chi si improvvisa, ma in questo ambito gli autodidatti, sia pure con ottime intenzioni, possono fare molti danni.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica

E invece a sentire le stime sarebbero addirittura mezzo milione le persone che chiedono aiuto: un esercito forse non di posseduti, ma di uomini e donne con problemi psichiatrici o spirituali. Alla domanda sterminata non corrisponde un'offerta adeguata. L'Associazione Internazionale degli esorcisti, riconosciuta nel 2014 dal Vaticano con 400 sacerdoti esorcisti, di cui 240 in Italia, non riesce a soddisfare le richieste di aiuto.

A lamentarlo è il portavoce, il frate cappuccino padre Paolo Carlin. Diventare esorcisti richiede un preciso iter, una licenza rilasciata dal vescovo. Il desiderio personale non basta. E comunque il candidato al ruolo deve studiare, frequentare corsi, leggere libri, fare un praticantato con esorcisti esperti.

Materie di studio per abbattere il regno di Satana

I seminari come quello di Palermo intendono evidenziare l'aumento dell'attività diabolica nel mondo.

La quantità di persone pronte a recarsi da maghi, fattucchiere, cartomanti e a dare credito ai tarocchi, apre la porta al demonio. Il 'neoesorcista' deve avere consapevolezza delle modalità con cui il Maligno opera. Tra i temi del corso, le sette legate al satanismo e la storia di liberazione dei posseduti. Quindi si insegna agli aspiranti esorcisti a distinguere tra le azioni del Maligno. La più comune è la tentazione.

Seguono le ossessioni che affliggono la mente presentandosi in forma di patologie psichiatriche, le vessazioni corporali. le possessioni vere e proprie di sicura suggestione cinematografica ma più rare. Il demonio può manifestarsi anche infestando i luoghi. Quando possiede una persona, lo si capisce da alcuni chiari segnali: avversione per il sacro, capacità di parlare lingue antiche quali l'aramaico e il latino, una forza fisica disumana, la conoscenza di cose occulte. Determinante è infine l''apprendimento di preghiere e formule per cacciare il diavolo. Poi occorre un apprendistato come quello che fanno avvocati e professionisti. Fino a che il candidato acquisisca un incredibile fiuto per stanare il diavolo ovunque, sapendo che il suo più grande inganno è far credere che non esista.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto