Quando pensiamo alla vita aliena, siamo sempre tentati di immaginarla in angoli remoti dell’Universo ad anni luce da noi. Questo perché la Scienza ci ha sempre insegnato che siamo gli unici esseri viventi del Sistema Solare. La tecnologia si è spinta alla ricerca di pianeti lontani, conosciuti col termine di “esopianeti”, con caratteristiche simili a quelle terrestri che orbitano nella “zona abitabile”, ovvero alla distanza ideale dal loro Sole, con la temperatura giusta per permettere la nascita e lo sviluppo della vita. Ma siamo davvero sicuri nel nostro Sistema Solare non c’è traccia di vita aliena? Forse no e lo dice la NASA.

Pubblicità
Pubblicità

La scoperta della NASA

La sonda Cassini della NASA ha rilevato per la prima volta la presenza di metano su Encelado - una delle 62 lune di Saturno - lo scorso anno. Dopo una ricerca approfondita, gli esperti ritengono che il metano potrebbe essere un sottoprodotto dell'attività aliena. Un nuovo studio ha scoperto che alcuni microbi estremamente resistenti trovati sulla Terra potrebbero sopravvivere nelle condizioni di congelamento di Encelado.

Pubblicità

Inoltre, questi microbi resistenti potrebbero consumare idrogeno prodotto dalle interazioni tra acqua e roccia, sotto la superficie ghiacciata del satellite naturale.

Il metano di origine biologica

L'ultimo studio condotto in un laboratorio sulla Terra mostra che un sottoprodotto biologico di questi microbi, che si nutrono di idrogeno, è il metano. Il coautore dello studio Simon Rittmann, del Dipartimento di Ecogenomica e Biologia dei Sistemi dell'Università di Vienna in Austria, ha dichiarato a Space: "Siamo stati in grado di dimostrare che, nelle condizioni estreme di Encelado, la produzione biologica di metano si verifica in laboratorio”.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scienza UFO

Quindi, parte del metano rilevato su Encelado potrebbe in linea di principio essere di origine biologica. Da una prospettiva astronomica, le future missioni su Encelado o altre lune ghiacciate, dovrebbero essere in grado di rilevare le biosegnanze metanogeniche relative ai metanogeni, come certi lipidi o rapporti di alcuni isotopi di carbonio.

Un'altra delle lune di Saturno, Titano, è stata precedentemente pubblicizzata come una possibile dimora per attività aliene.

L'anno scorso, la sonda Cassini ha rilevato anioni di catene di carbonio, uno degli ingredienti principali della vita sulla Terra. Gli scienziati le descrivono come un significato prebiotico che potrebbero essere il fondamento della vita come nel caso sulla Terra. Le sostanze chimiche che sono state trovate nell'atmosfera lunare, hanno ridefinito la comprensione degli scienziati su Titano.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto