Mentre al Nord Italia il tasso di occupazione sembra tornare nella norma (66,7% nel settentrione, 62,8% nelle regioni centrali), il sud archivia, nel 2017, un tasso ancora inferiore al 2008 (44%). La divergenza tra nord e sud tocca più aspetti ed è portatrice di diversi effetti collaterali sulla popolazione del Mezzogiorno.

Polizza assicurativa in Calabria

In Calabria, una delle regioni più povere d'Italia, le Assicurazioni auto costano di più della media nazionale.

A rilevarlo è il Codacons Calabria. La media per un automobilista calabrese è mediamente 472,30 euro l'anno, corrispondente a oltre 50 euro in più in confronto alla media nazionale che è di 420 euro.I dati dell'associazione confermano Reggio Calabria come la città calabrese con la polizza assicurativa più cara (Euro 520,80), con i suoi 100 euro in più rispetto alla media nazionale e i suoi 230 euro in più rispetto alla meno costosa, seguita poi da Crotone (euro 507), Vibo Valentia (euro 502,20) e Catanzaro (euro 444,70).

Solo Cosenza si conferma sotto la media nazionale (euro 386,60). La situazione è dunque paradossale. "Le città calabresi continuano ad essere penalizzate - sostiene Francesco Di Lieto, vicepresidente nazionale del Codacons - e a registrare prezzi addirittura doppi rispetto ad altre realtà".

Diversa anche l'aspettativa di vita

Anche l'indicatore dell' aspettativa di vita e della presenza di malattie croniche tra nord e sud ci segnala un secco divario, rilevando il mezzogiorno d'Italia come il punto in cui si l'aspettativa di vita è tra le minori di tutta l'Europa: se in una città come Napoli l'aspettativa di vita raggiunge i 78,9 anni per gli uomini e 83,3 per le donne, a Trento, invece, si vive mediamente fino a 81,6 anni per gli uomini e 86,3 per le donne.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Calabria

Tra le cause che contribuiscono a costituire questo divario, una delle principali è certamente la problematica della terra dei fuochi, ovvero l'interramento di rifiuti speciali e tossici. Le falde acquifere e i terreni risultano contaminati da metalli pesanti, così come confermato dalla corte di cassazione nel processo Resit di Giugliano. Tutto questo mentre gli italiani spendono circa 8 milioni l'anno per distribuire i rifiuti, senza poterne sapere con precisione la destinazione di scarico, con tanto di approvazione delle istituzioni, che dovrebbero pur sapere che una discarica controllata per rifiuti speciali verrebbe a costare all'incirca 10 milioni, dunque soltanto due in più di quelli che già si sborsano per lo smaltimento.

Il prezzo più caro, insomma, lo stiamo pagando in vite umane.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto