È quasi una dichiarazione di guerra commerciale, che potrebbe avere gravi ripercussioni sull'economia globale. "Il Presidente annuncerà le misure che ha deciso di adottare sulla base della ricerca dell'articolo 301 su come la Cina sta rubando tecnologia e proprietà intellettuale negli Stati Uniti". Questo è quello che mercoledì sera Raj Shah, ha detto il portavoce della Casa Bianca. È chiaro, minaccioso come dovrebbe, determinato. L'agenda ufficiale del Presidente degli Stati Uniti conferma la cosa: Donald Trump firmerà un "memorandum presidenziale destinato all'aggressione economica della Cina".

Pubblicità
Pubblicità

Forte evidenza

Questa nuova offensiva protezionistica viene annunciata appena due settimane dopo che ha promulgato tasse del 25% sulle importazioni di acciaio e del 10% su quelle dell'alluminio, provocando ripudio internazionale e critiche profonde all'interno del campo stesso repubblicano. "Abbiamo prove particolarmente evidenti del fatto che la Cina utilizza restrizioni come la necessità di (creare) per richiedere un trasferimento di tecnologia dalle società statunitensi alle entità cinesi" ha dichiarato un funzionario dell'US Trade Representative (USTR) che ha richiesto l'anonimato.

Trump alla guerra dei dazi. E l'Europea è pronta a rispondere - theworldnews.net
Trump alla guerra dei dazi. E l'Europea è pronta a rispondere - theworldnews.net

Stati Uniti e la Cina sono partner economici e finanziari strettamente collegati, tuttavia, l'amministrazione Donald Trump accusa Pechino di "concorrenza sleale", esportando verso la potenza leader mondiale beni in gran parte sovvenzionati venduti a prezzi bassi, il che ha portato a un enorme deficit commerciale. L'anno scorso, gli Stati Uniti hanno registrato con il gigante asiatico un deficit per il solo commercio di merci (esclusi i servizi) di $ 375,2 miliardi, in crescita dell'8,1% su base annua.

Pubblicità

Soia e maiale

Anche prima dell'annuncio americano, Pechino si è detta pronta a colpire con delle mirate rappresaglie. "La Cina non starà a guardare, prenderemo inevitabilmente tutte le misure necessarie per difendere risolutamente i nostri legittimi diritti e interessi", ha detto il ministero del commercio cinese in una dichiarazione, denunciando i l"protezionismo di Washington" e invitando gli Stati Uniti a non agire "in preda all'emozione". Il premier cinese Li Keqiang ha avvertito lunedì che una guerra commerciale tra le due maggiori potenze "non gioverebbe a nessuno".

Mercoledì, il nuovo presidente della banca centrale degli Stati Uniti (Fed) Jerome Powell gli ha fatto ecco sottolineando che una possibile guerra commerciale tra gli Stati Uniti e alcuni dei suoi partner commerciali ora rappresenta un rischio "più importante" per l'economia rispetto al passato. Le sanzioni potrebbero essere accompagnate da misure contro gli investimenti cinesi negli Stati Uniti e i visti per i cittadini cinesi. Pechino potrebbe 'vendicarsi' contro prodotti agricoli statunitensi come la soia, il sorgo e il maiale muovendo azioni anche contro l'Unione Europea (UE), stando almeno all'analisi fatta dal Wall Street Journal.

Pubblicità

Discussioni con l'Unione Europea

Insieme all'annuncio di questa nuova offensiva, Washington ha giocato la carta dell'appeasement con l'UE sulla controversia in acciaio e alluminio."Abbiamo convenuto di avviare immediatamente un processo di discussione con il Presidente e l'amministrazione di Trump sulle questioni commerciali che ci interessano, tra cui acciaio e alluminio, per trovare una soluzione reciprocamente accettabile il più rapidamente possibile" hanno annunciato il segretario al commercio degli Stati Uniti Wilbur Ross e la commissaria europea al commercio Cecilia Malmström in una dichiarazione congiunta.

Pubblicità

Il presidente degli Stati Uniti aveva esentato provvisoriamente Canada e Messico, partner statunitensi nell'Accordo di libero scambio nordamericano (Alena), dalle tasse sull'acciaio e sull'alluminio. In linea di principio, il signor Trump aveva dato un termine di 15 giorni per applicare formalmente la sua decisione, che dovrebbe scadere alla fine della settimana. Ma Lighthizer ha detto in un'audizione del Congresso che i paesi e le aziende che avevano negoziato con le autorità statunitensi per essere esentati trarrebbero beneficio da una maggiore tregua. Cecilia Malmström ha compiuto il viaggio nella capitale degli Stati Uniti con il desiderio di esentare l'Unione europea "nel suo complesso". È ripartita mercoledì sera per tornare a Bruxelles, dove dovrebbe riferire giovedì al Parlamento europeo. Staremo a vedere con quali conseguenze.

Clicca per leggere la news e guarda il video