Erano le 13:30 a San Bruno, in California (le 22:30 a Roma) martedì, 3 aprile, quando una donna di 37 anni sparò all'interno del quartier generale di Youtube, ferendo tre persone con proiettili, prima di suicidarsi. I fatti si sono verificati mentre pranzavano i dipendenti. "Una donna irruppe (...) e sembrava sparare a una persona in particolare", ha detto un testimone alla CNN. Un dipendente di Youtube ha dichiarato di aver incontrato l'aggressore poco prima della tragedia. Vestito di nero e con un berretto, "stava camminando tranquillamente" prima di estrarre un'arma dalla borsa e iniziare a sparare.

Immediatamente, la società proprietaria di YouTube, ha chiesto ai dipendenti della Silicon Valley di rimanere il più lontano possibile dal sito durante le operazioni di polizia inviate rapidamente al sito. Per quanto riguarda il presidente Trump, ha usato il social network Twitter, come al solito, per assicurare le vittime del suo sostegno e congratularsi con la polizia per il suo lavoro.

La donna si suicida

Ed Barberini, il capo della polizia di San Bruno, ha tenuto una conferenza stampa alla fine della giornata per comunicare i primi elementi dell'indagine.

L'autore dell'attacco era Nasim Aghdam, che compiva 38 anni questa settimana. Si è suicidata dopo aver sparato a tre impiegati, che sono state poi portate in ospedale. Un quarto dipendente si è infortunato alla caviglia mentre correva via. Secondo i risultati iniziali, Nasim Aghdam era molto attiva sui social network, Facebook, Instagram, Twitter e YouTube, dove pubblicava regolarmente video guardati da migliaia di persone, che le permettevano di Raccogliere un reddito. Si è ripresa e ha affrontato diversi temi nella sua comunità, che vanno dagli eventi generali alla moda e al benessere degli animali

Lo scorso 20 febbraio ha segnato un punto di svolta nella storia di YouTube

In effetti, la società ha deciso di rivedere la propria griglia retributiva, escludendo alcuni video del proprio sistema di pagamento, per evitare la recrudescenza dei contenuti estremisti.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Cronaca Nera

Alcune pubblicazioni di Nasim Aghdam furono così, nelle sue stesse parole riportate dai suoi parenti, "censurate", privandolo di una parte delle sue entrate. "Le dittature esistono in tutti i paesi ma con tattiche diverse... L'Iran è migliore degli Stati Uniti o degli Stati Uniti meglio dell'Iran?", Ha detto recentemente. Ha anche accusato YouTube di non aver pagato i suoi video. Martedì sera, poche ore dopo la tragedia, il padre dell'assalitore ha detto che sua figlia aveva espresso rabbia sul sito web sempre più violentemente negli ultimi giorni, arrivando addirittura a dire che "YouTube aveva rovinato la sua vita" .

Viveva con sua nonna non lontano da lì, a San Diego, ed era scomparsa dallo scorso sabato. Durante il fine settimana, la polizia di Mountain View l'ha trovata che dormiva nella sua auto vicino ai locali di YouTube, ignara di quello che stava succedendo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto