Guai in vista per un autista dei mezzi di terra di Ryanair allo scalo di Orio al Serio. L'uomo infatti è stato colto in flagrante mentre effettuava 'strane operazioni' con la merce destinata alla vendita sugli aerei durante i voli della compagnia irlandese. Già da tempo erano state diramate diverse segnalazioni su furti di merci avvenute nelle zone che circondano l'aeroporto lombardo. La Guardia di Finanza si è così adoperata per capire cosa stava accadendo, facendo una scoperta piuttosto inusuale.

Autista ruba snack e li nasconde in una cabina

Senza dare nell'occhio ed in maniera abbastanza pacata, un autista albanese di Ryanair è riuscito nel corso del tempo a sottrarre un grande quantitativo di prodotti utilizzati dalla compagnia durante i voli [VIDEO]per soddisfare le richieste dei passeggeri.

L'uomo in questione lavora all'aeroporto di Orio al Serio, dove da diverso tempo si erano riscontrati dei furti di snack. Le forze dell'ordine hanno così iniziato a pedinare il mezzo utilizzato dalla compagnia per il trasporto catering a bordo dei mezzi Ryanair. In particolare è stato osservato che il mezzo, una volta uscito dal varco doganale, si incamminava verso Centro Galassia ed è proprio lì che la Guardia di Finanza ha notato dei movimenti a dir poco ambigui. L'autista del mezzo infatti, si apprestava a nascondere dentro ad una cabina elettrica dismessa buona parte della merce da lui trasportata.

La scoperta delle forze dell'ordine

Le forze dell'ordine notando movimenti strani, hanno deciso così di intervenire. All'interno della cabina sono stati ritrovati snack e profumi destinati agli aerei della compagnia Ryanair.

I prodotti erano inseriti [VIDEO] all'interno di sacchi neri, che venivano recuperati dall'uomo un volta che aveva terminato il proprio turno di lavoro. La guardia di Finanza ha ritrovato circa 2600 prodotti per un valore che ammonta a 20.000 euro. L'autista quarantenne, di origini albanesi, residente in quel di Bergamo, trasportava la merce al'interno di un Bar e di un Bed & Breakfast di sua proprietà. I prodotti venivano poi esposti alla clientela per essere rivenduti. L'uomo adesso rischia grosso: non solo dovrà rispondere davanti ai giudici alle accuse di furto, ma rischia anche il licenziamento che con tutta probabilità dovrebbe presto arrivare dato il comportamento illegale e scorretto nei confronti della compagnia Ryanair. Inoltre, sono in corso ulteriori accertamenti sul bar ed il B&B in possesso dell'autista, per capire se quest'ultimi sono in regola con le norme oppure no.